Demanio, ultimo giorno per aggiudicarsi un faro in concessione

21

C’e’ tempo fino a domani, alle 12, per partecipare ai bandi di gara per la concessione di 11 fari dello Stato, con proposte di valorizzazione che trasformino le “sentinelle del mare”, ormai inutilizzate, in luoghi dedicati a turismo, ristorazione, cultura, sport, attivita’ sociali e promozione del territorio. I fari inseriti nei bandi in corso, 7 gestiti dall’Agenzia del Demanio e 4 dal ministero della Difesa, si trovano in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Toscana. Si tratta del Faro di Brucoli ad Augusta (SR), il Faro di Murro di Porco a Siracusa (SR), il Faro di Capo Grosso nell’Isola di Levanzo – Favignana (TP), il Faro di Punta Cavazzi ad Ustica (PA), il Faro di Capo d’Orso a Maiori (SA), il Faro di Punta Imperatore a Forio d’Ischia (NA), il Faro di San Domino alle Isole Tremiti (FG) e dei quattro proposti dal Ministero della Difesa il Faro Punta del Fenaio e il Faro di Capel Rosso sull’Isola del Giglio (GR), il Faro Formiche di Grosseto e il Faro di Capo Rizzuto a Isola di Capo Rizzuto (KR). I soggetti interessati al recupero e riutilizzo di uno o piu’ beni dovranno inviare entro domani il proprio progetto e l’offerta economica. Le candidature per l’affitto dei fari saranno valutate secondo il criterio dell’offerta “economicamente piu’ vantaggiosa”, data dalla proposta progettuale, valutata con punteggio pari al 60%, e dalla proposta economica, a cui puo’ essere assegnato un punteggio massimo pari al 40%.