“Democrazia è lotta al crimine”

39

Venezia, 25 apr. (Adnkronos) – Durante il suo discorso nella celebrazione del 25 aprile, il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro ha voluto porre l’accento su democrazia e lotta al crimine: “Cosa vuol dire nel 2018 difendere la democrazia? Vuol dire essere pronti a lottare contro la corruzione, a contrastare le mafie, il crimine, anche piccolo, l’illegalità e il terrorismo. Ma vuol dire anche, guardando al nostro quotidiano, capire che la mia libertà finisce dove inizia quella del mio prossimo e quindi sapere che non si può parlare di democrazia se non sono capace di rispettare gli altri. Noi siamo il baluardo vivente della democrazia e della libertà! Lo dobbiamo dimostrare, giorno dopo giorno, non a parole, ma con i nostri gesti, le nostre azioni, il nostro comportamento”.

“Queste parole, pronunciate in un luogo così significativo per Venezia qual è il Ghetto, acquisiscono un valore ancora più simbolico. Qui a Venezia la comunità Ebraica ha dimostrato come sia possibile essere esempio di integrazione. Qui l’avvento della democrazia ha messo la parola fine ad anni di discriminazioni ripristinando la parità di diritti che l’abominio delle leggi razziali avevano ignobilmente spazzato via. Anche in questo caso tornano i concetti di Libertà e Diritto, due parole che a Venezia, crocevia di popoli, hanno sempre trovato pieno accoglimento. L’importante, però, è che chi ha abitudini diverse dalle nostre sia disposto a rispettare le regole che, prima la Repubblica Serenissima e oggi il nostro Stato, si sono voluti dare per garantire ai propri cittadini di vivere in armonia tra loro”, ha concluso.