Dieta Mediterranea, parte da Pollica il progetto MD.net: coinvolti enti di ricerca e centri d’eccellenza

43

Oggi alle ore 15.30, al castello di Pollica (Salerno), nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale MD. net, avverrà la presentazione, da parte del direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale per il Mezzogiorno Antonio Limone, del responsabile della misura 2 del Psr Campania Ferdinando Gandolfi e dell’esperto Crea Concetta Menna, del “contratto d rete per il sistema della conoscenza del settore zootecnico della Campania”, importante iniziativa di supporto, nell’ambito dell’attuazione della misura 2.3 del PSR Campania, alle attività di consulenza aziendale, formazione professionale, diffusione delle innovazioni, per le piccole produzioni agroalimentari di origine animale che sono uno dei pilastri dell’identità territoriale delle comunità del Mediterraneo e della Dieta Mediterranea. Nella rete saranno coinvolti enti di ricerca e centri di eccellenza operanti nel campo della zootecnia e delle produzioni di origine animale. La presentazione avverrà in occasione dell’Evento di Lancio del progetto in Campania, ed in particolare nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano – Comunità Emblematica della Dieta Mediterranea patrimonio Unesco. Scopo generale del progetto MD.net è consolidare una rete internazionale orientata ad utilizzare l’identità culturale della Dieta Mediterranea per promuovere azioni locali di coesione sociale e sviluppo sostenibile. La cooperazione transnazionale nella catena produttiva legata alla DM servirà principalmente a creare nuove imprese e stimolare creatività e innovazione nei mestieri e produzioni tradizionali, fornendo allo stesso tempo contributi e buone pratiche nel mantenimento dell’equilibrio ecologico, integrando i gruppi di lavoro locali di giovani imprenditori, enti pubblici, associazioni con attori della ricerca scientifica e del partenariato internazionale. Questa prima giornata di lavori fornirà alla Regione Campania l’opportunità di far incontrare i partner internazionali con i partner associati e gli attori campani, presentare gli obiettivi, lo stato dell’arte e il lavoro da fare nel Cilento per i prossimi quattro anni del progetto.