Diplomazia argentina a capo della delegazione in visita al consiglio regionale

28
In foto Arnaldo Tomas Ferrari, ambasciatore dell'Argentina in Italia

La mattina del 27 giugno, nella sala “Caduti di Nassirya” del Consiglio regionale della Campania, la presidente Rosa D’Amelio ha ricevuto una delegazione della Provincia del Tucumán (Argentina) in missione ufficiale in Italia, guidata da Marcelo Fabián Gilardoni, ministro plenipotenziario dell’Ambasciata Argentina nel nostro Paese, con a capo l’ambasciatore Arnaldo Tomas Ferrari. Hanno partecipato Juan Luis Manzur, governatore della Provincia del Tucumán; Javier Noghuera, sindaco della città di Tafì Viejo; José Guarcìa, rettore dell’Università nazionale del Tucumán e una rappresentanza di funzionari, imprenditori e docenti universitari argentini. Ad accompagnare la delegazione diplomatica, il direttore di Coldiretti Campania, Salvatore Loffreda. “L’incontro è stato utile – ha detto D’Amelio – per rinsaldare il forte rapporto istituzionale tra la Campania e l’Argentina, Paese storicamente vicino alla nostra regione per la presenza cospicua di emigranti campani in terra argentina. In particolare, la visita è stata occasione di consolidamento di proficue relazioni per le imprese campane e argentine del settore agricolo e agroindustriale, a partire dalla coltivazione e trasformazione dei limoni di cui il Tucumán è grande produttore, oltre che per il turismo e gli scambi culturali in favore delle nuove generazioni. E’ ben lontana l’epoca in cui Tucumán era orgogliosa del suo ruolo storico per l’indipendenza dell’Argentina. E’ qui che effettivamente venne firmato l’atto il 9 luglio 1816. Poi e’ cresciuta la miseria a causa di gravi crisi agricole e industriali. Effettivamente quando si esce dalla stazione dei bus  non ci si sente al sicuro per le strade; dopo  un rapido giro nella piazza dell’indipendenza, davanti alla cattedrale si finisce per avere la conferma   Poi le cose sono cambiate come in tutto il Paese, e ora la grande presenza di italiani in Argentina con la prevalenza netta di campani, incentiva lo sviluppo dell’azienda produttiva dei limoni di questo Sudamerica che possiede un sapore del tutto particolare