Direttive negoziali pubbliche, Calenda: Passo fondamentale verso trasparenza

23

I rappresentanti permanenti dei Paesi membri dell’Unione Europea hanno approvato oggi all’unanimità la proposta italiana di rendere pubbliche le direttive negoziali che definiscono i limiti e gli I rappresentanti permanenti dei Paesi membri dell’Unione Europea hanno approvato oggi all’unanimità la proposta italiana di rendere pubbliche le direttive negoziali che definiscono i limiti e gli obiettivi della negoziazione con gli Usa per la conclusione del Ttip (il partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti), decise dal Consiglio dei Ministri del commercio europei più di un anno fa. “Quello di oggi – dichiara Carlo Calenda, vice ministro dello Sviluppo Economico, presidente di turno del Consiglio dei Ministri del commercio europeo – è un passo fondamentale verso una maggiore trasparenza del negoziato, obiettivo al cui perseguimento la Presidenza italiana continuerà a contribuire nella convinzione che è decisiva per sconfiggere le tante paure ingiustificate che agitano una parte della pubblica opinione”. “Il Governo italiano – continua Calenda – ritiene che un rapido successo del negoziato rappresenti uno dei pilastri fondamentali nella strategia di rilancio della crescita in Europa e un passo decisivo verso l’apertura della seconda fase della globalizzazione, caratterizzata da benefici più equamente distribuiti tra le diverse aree del mondo”. “Secondo le principali analisi disponibili, l’Italia sarebbe tra i principali beneficiari del Ttip, che potrebbe portare fino a mezzo punto di Pil di crescita aggiuntiva e alla creazione di posti di lavoro”. “La prossima settimana – conclude il vice ministro – si terrà a Roma il Consiglio Cae informale con i ministri europei del commercio e un incontro con il negoziatore americano Ambasciatore Froman, con cui avremo modo di confrontarci circa l’andamento delle trattative”.