Diritti e cittadinanza democratica, incontro online con Gianfranco Viesti

45
INCONTRI CON L’AUTORE ROBOT E TABLET. COME FAR RIPARTIRE LE IMPRESE a cura di Il Mulino Nella foto: Gianfranco VIESTI CACCIAVITE Festival dell'Economia Biblioteca comunale Trento, 30 maggio 2015 Foto Giovanni Cavulli

Lunedì 14 giugno 2021 ore 17 si terrà via internet un incontro on line con Gianfranco Viesti per la presentazione del suo nuovo libro “Centri e periferie. Europa, Italia e Mezzogiorno”, Laterza. “L’evento – si legge in una nota – rientra nel programma di attività e di incontri del progetto Biblioteca Bene Comune per ripartire con la cultura in una fase di emergenza sanitaria, per diffondere il sapere come fasttore di coesione sociale e di conoscenza. Con l’autore intervengono Achille Flora (L’Orientale di Napoli) e Amedeo Lepore (Unicampania). Coordina Pasquale Iorio (Le Piazze del Sapere). L’evento si svolge in collaborazione con: Auser Caserta, FTSCasertano,ItaliaxilMondo, Combo. Si svolgerà sulla piattaforma Zoom e potrà essere seguito sulla pagina FB Biblioteca Bene Comune Caserta”.

I temi del libro
In “Centri e periferie. Europa, Italia e Mezzogiorno”, Viesti parte dall’assunto che la geografia economica è cambiata e crescono le disparità. Ma il futuro delle città e delle regioni, e quindi delle nazioni, non è mai scritto. Nulla condanna a essere periferia
Il XXI secolo ha visto il declino dell’Italia e l’approfondirsi delle sue disparità interne. Per comprenderne il perché serve collocare quelle vicende, con un’analisi comparata, nel contesto dei grandi cambiamenti internazionali: l’allargamento a Est dell’Unione Europea, la deindustrializzazione, i nuovi servizi avanzati nelle città, il mutamento demografico, le migrazioni, l’influsso liberista sulle politiche economiche. In tutta Europa, a differenza di quanto avveniva nel Novecento, le disuguaglianze stanno aumentando. Ma le gerarchie territoriali non sono un destino irreversibile, cambiano grazie a intelligenti politiche pubbliche. Non è però ciò che è avvenuto, specie negli anni Dieci, in Italia: le politiche hanno spesso assecondato e non contrastato il declino e l’aumento delle disparità. Un’analisi di ampia prospettiva storica, fondata su dati e casi concreti, indispensabile per chi voglia trarre indicazioni per ripensare un’Italia più competitiva e più inclusiva, specie dopo la grande pandemia.