Diritti tv, bando annullato

17

Milano, 9 mag. (Adnkronos) – Tutto da rifare. Il giudice del tribunale civile di Milano, Claudio Marangoni, ha confermato la sospensiva, ottenuta da Sky il 16 aprile scorso, e ha annullato il bando con cui l’intermediario spagnolo Mediapro ha messo in vendita i diritti tv di calcio della Serie A per il triennio 2018-2021.

In particolare il giudice ha inibito di continuare la gara, sostenendo che il bando non sarebbe “correttamente formulato” rispetto alle regole dell’Antitrust: in un mercato fortemente regolato e di fatto con un monopolista, la legislazione Antitrust cerca di impedire che questo potere si riverberi a valle, in questo senso i pacchetti preconfezionati con ampia durata messi a punti dagli spagnoli di Mediapro potrebbero inibire la libertà degli altri operatori ‘costretti’ a pagare di più per dei servizi televisivi. Per il giudice, di fatto, il bando deve essere rifatto. A partire da oggi la parte perdente ha 15 giorni di tempo per presentare reclamo e la palla passerà in quel caso a un collegio di giudici, con ulteriore dilatazione dei tempi.