Discografia, nasce in Campania la prima “Music commission” per il rilancio del settore

59
Parte da Napoli la prima Music Commission italiana. Il progetto è stato presentato ufficialmente oggi all’interno del Digital Music Forum 2016. La Campania Music Commission (CMC), la prima nel panorama italiano, punta a incentivare iniziative nel settore delle produzioni musicali e creare una rete di imprese, promuovendo il rilancio del territorio campano legato al comparto artistico, culturale e musicale. Nel corso della presentazione, oltre a essere stati analizzati i report con il riferimento al mercato discografico italiano del 2015, si sono alternati i vari interventi di operatori del settore, produttori e professori universitari, oltre che dell’ideatore della CMC, Ferdinando Tozzi, esperto di diritto d’autore, che ha fortemente spinto per la realizzazione della prima music commission italiana. ”La nostra regione è un territorio ricco di risorse umane e culturali, da sempre tradizionalmente legate alla musica di qualsiasi genere” spiega Tozzi. “È necessario e fondamentale, quindi, fare sistema tra le imprese e le istituzioni culturali per incentivare la crescita sociale e imprenditoriale nel settore della discografia”. 
La Campania Music Commission è un’associazione no profit che mette insieme alcuni dei principali players della musica nazionale con lo scopo di impegnarsi, mettendo a frutto le rispettive competenze, per mettere in moto un circolo virtuoso di attività di impresa. Oltre all’appoggio istituzionale delle maggiori associazioni di settore, la CMC gode della fiducia della discografia nazionale, dall’Universal Music Italia alla Sony music entertainment Italy, nonché di alcuni dei principali operatori e imprenditori di settore fra cui l’Unione Industriali, la FIMI, Google Italia, il Consorzio Fonografici (SCF), la Assomusica, la Campania Film Commission e la Siae. Durante la presentazione, che ha visto come ospite speciale il cantante Lorenzo Fragola, sono intervenuti anche il presidente della Fimi, Enzo Mazza, l’assessore alle attività produttive della Regione Campania, Amedeo Lepore, l’assessore alla cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele, il rettore dell’Università Federico II, Gaetano Manfredi, il professore del Dipartimento Scienze Sociali, Lello Savonardo e la responsabile multimedia Entertainment Telecom Italia, Daniela Biscarini.