“Disegnare un mondo migliore”, la filosofia architettonica di Niemeyer in un libro

36

L’affascinante analisi delle metodologie e della filosofia architettonica che spinsero Oscar Niemeyer a realizzare le sue opere è stata raccolta in un libro dal titolo “Disegnare un mondo migliore” che verrà presentato al pubblico oggi alle 15,00 a Napoli, a Palazzo Gravina sede dell’Università Federico II – Dipartimento di Architettura Diarc(via Monteoliveto, 3 – aula Gioffredo). Pensare ad un mondo diverso, affascinante, “migliore” era ciò che auspicava Oscar Niemeyer quando a Constantine/Dessinez in Algeria, durante il suo esilio, realizzò il campus universitario, un complesso architettonico poco o per nulla conosciuto rivolto ai giovani studenti affinchè potessero interpretare, conoscere e costruire. Ed è proprio sulla base di questi tre pilastri della filosofia architettonica di Niemeyer che nasce ‘Disegnare un mondo migliore’, scritto da Francesco Felice Buonfantino e Alessandra Pagliano, edito da Franco Angeli, volto ad analizzare e studiare il complesso algerino attraverso i tre concetti che erano alla base delle metodologie progettuali dell’architetto brasiliano. In un primo percorso, infatti, i due autori illustrano le ragioni che spinsero Niemeyer a realizzare l’opera; nel secondo le riflessioni si concentrano sulla forma della struttura e sulle sue geometrie dinamiche; nel terzo cammino, infine, assistiamo a un’analisi sull’esecuzione del campus, un’opera attualmente in ristrutturazione che desta non poche perplessità, perchè soltanto un esame attento e scrupoloso bellamente dell’architetto e delle ragioni che lo spinsero a realizzarla permettono ai restauratori di non snaturare il Campus. Alla presentazione nel capoluogo campano con gli autori interverranno: Michelangelo Russo, direttore del Dipartimento Architettura dell’Universita’ degli Studi di Napoli, Federico II; Domenico De Masi, Universita’ La Sapienza, Roma; Renata Picone, Università degli studi di Napoli, Federico II. Modera: Alessandro Castagnaro, Universita’ degli Studi di Napoli, Federico II.