Diversità, pace e conoscenza Finalmente parte il Forum

60

Diversità culturale, condizioni per la pace, sviluppo sostenibile, conoscenza e mare. Cinque temi da trattare in cento conferenze, cinque festival, 25 laboratori e dieci mostre. E’ stato presentato a Parigi, presso l’Istituto Italiano di Cultura, il IV Forum Universale delle Culture Diversità culturale, condizioni per la pace, sviluppo sostenibile, conoscenza e mare. Cinque temi da trattare in cento conferenze, cinque festival, 25 laboratori e dieci mostre. E’ stato presentato a Parigi, presso l’Istituto Italiano di Cultura, il IV Forum Universale delle Culture che, da aprile ad ottobre 2014, si terrà nei siti Unesco della Campania. Si parte da Pompei, dove oggi (2 aprile) 2mila studenti si si confronteranno sul tema della creatività. Presentazione tra Napoli e Parigi – Nella capitale francese, sede Unesco, a presentare l’evento sono gli assessori alla Cultura di Regione Campania e Comune di Napoli, Caterina Miraglia e Nino Daniele, Francesco Bandarin, vicedirettore Unesco per la Cultura, Kishore Rao, direttore World Heritage Centre, Vincenza Lomonaco, rappresentante presso l’Unesco dell’Italia, e l’ambasciatore italiano in Francia. Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, intervengono da Napoli in videoconferenza. “Abbiamo strutturato il Forum in modo da poter aggregare al suo interno l’intero sistema territoriale campano” afferma Caldoro. “Una parte consistente del programma l’avremo a Napoli, e poi nelle altre città campane dove sono presenti siti Unesco, tra cui Caserta, Benevento, Ascea, Paestum, Ravello, Pompei, Ercolano“. “Sono stati coinvolti tutti gli attori del territorio – aggiunge il governatore – dalle Università, ai teatri, agli istituti culturali, alla Chiesa“. Gli eventi in città – Napoli accenderà i riflettori sul centro storico, partendo dal complesso monumentale di San Domenico Maggiore, dove proseguirà la mostra “impossibile” dedicata a Leonardo, Raffaello e Caravaggio, con le riproduzioni digitali delle opere. Dal 21 aprile l’esposizione sarà impreziosita con l’arrivo delle Macchine di Leonardo e da un disegno originale estratto dal Codice Atlantico. Il Palazzo delle arti ospiterà la rassegna dedicata ad Andy Warhol, con 180 opere dell’artista statunitense. In occasione del trentesimo anniversario dalla scomparsa di Eduardo De Filippo, sono previste mostre e rappresentazioni teatrali dedicate al drammaturgo napoletano, con il San Carlo che proporrà una nuova produzione intitolata Eduardo artefice magico. Attenzione all’ambiente – Nei territori maggiormente colpiti dall’inquinamento ambientale, si svolgerà il Festival della comunicazione ecologica, mentre Napoli ospiterà un grande convegno dei sindaci del Mediterraneo sul tema della pace nel Medio Oriente e del dialogo interculturale. La dieta mediterranea, entrata da poco a far parte del patrimonio immateriale dell’umanità, sarà al centro del Festival sull’evoluzione dell’alimentazione in programma a Pompei. Il passaggio di testimone – Ad Ascea si svolgerà quello della Filosofia in Magna Grecia, a Paestum quelle delle Favole matematiche e della Fiaba, mentre a Ercolano si approfondirà il tema della memoria. Gli eventi si chiuderanno a ottobre, quando la Campania passerà ad Amman il testimone ricevuto da Valparaiso.