Droghe, a Napoli confronto su legalizzazione cannabis

75

“Il contributo che diamo alla discussione relativa alla legalizzazione delle droghe leggere sta nella riattivazione di una discussione ferma, parlando della proposta che giace in parlamento e che riguarda da vicino la riduzione degli spazi per la criminalita’ organizzata”. E’ il giudice Nicola Quatrano a presentare il convegno internazionale Prima (invece) di punire che si svolge oggi e domani all’istituto degli Studi Filosofici di Napoli su Legalizzazione delle droghe leggere, questione sicurezza e welfare, organizzato dalla neonata associazione Not Dark Yet e dal gruppo di imprese sociali Gesco. “Il proibizionismo di fronte a certi problemi sociali che non si riescono ad eliminare e’ la risposta peggiore perche’ si rinuncia a governarli, rigettandoli nella sfera dell’illegalita’ e accrescendo l’insicurezza. Se si riporta il tema nella legalita’ e si regolamenta l’uso delle droghe leggere cio’ consentira’ di governare il fenomeno. Occorre un cambiamento di mentalita’ dopo lunghi anni durante i quali si e’ ragionato esclusivamente in termini di repressione e di inasprimento delle sanzioni”, ha detto Quatrano nell’introdurre e moderare i lavori della mattinata di oggi, concentrata sulle proposte di regolamentazione e depenalizzazione delle droghe leggere della Direzione Nazionale Antimafia e dell’Intergruppo parlamentare per la legalizzazione della cannabis.