È Orban il riferimento della destra per le politiche della famiglia. Più agevolazioni per quelle numerose e soldi

135

Ferie a genitori e nonni, asili nido, sconti fiscali per tutti – È da prendere ad esempio lo statista ungherese che tifa per Putin, come la Le Pen. Non si doveva neppure aspettare che vincesse la destra per imitarlo. Però, se le donne sono in carriera e tolgono valore agli uomini, come possono mettere al mondo più figli e poi occuparsene? Si sono montate un po’ la testa e stanno occupando tutti i posti di lavoro negli ospedali come medici, nella scuola, nelle università e a capo delle grandi aziende. È il caso di mettergli qualche limite. Prenderemo consulenti talebani.

Visto che non intendono dargli il Viminale cui ambisce Fratelli d’Italia, confidando nella gratitudine di Mattarella Salvini aspira a guidare il governo. Perché mai chi prende più voti deve fare il Premier? È ormai tradizione italica che a designare il Presidente del Consiglio sia il Capo dello Stato. Il parlamento si limita ad approvare. Giuseppe Conte addirittura due volte, poi Mario Draghi, che non erano neppure parlamentari. Per di più fu Salvini a proporre per errore, anziché un candidato di centro destra, il Mattarella bis al Quirinale. Adesso si aspetta, in caso di vittoria della destra, che il Presidente, da gentiluomo qual è, ricambi il favore. Tanto, uno meglio di lui dove lo trova?

Non c’è l’ho con la Lega né con i leghisti, nonostante mi disprezzino in quanto meridionale. Come dargli torto? – Molti di noi ne ingrossano le file anziché difendere il territorio, la sua storia e le tradizioni. Posso giustificare i terroni di seconda e terza generazione di immigrati che credono di potersi integrare rinnegando le umili origini che credono puzzare di miseria e di mafia, anziché essere orgogliosi della loro antica civiltà e della dignità degli antenati. Non è la povera gente che ne avrebbe tutte le ragioni,  a volere mischiare le carte della Storia, ma i rampolli delle famiglie privilegiate che anche al Sud saltano senza vergogna sul carro di un vincitore razzista.

Se non sono mediocri nell’UE non li vogliono. Ora cercano di limitare il turismo russo negando il rilascio del visto È un provvedimento stupido come mettere al bando Tolstoj e Tchaikovsky. Come in ogni dittatura, tranne i gerarchi nessun russo approva il regime di Putin. Le elezioni sono una farsa. Il patriarca degli ortodossi Kirill, come qualsiasi prelato, è alleato del potere purché consenta la libertà di culto. Pio XI fece il concordato con Mussolini. Lasciateli entrare perché poi riferiscano come si vive nei paesi liberi. Perché abbia la possibilità di emigrare che non ne può più della cattività. Tanto le spie non hanno bisogno del visto. Godono persino dell’immunità diplomatica.

Ci sono anche in Inghilterra gli evasori fiscali, ma la maggioranza dei contribuenti auspica l’aumento delle tasse – Vogliono che si incrementino i servizi pubblici, l’assistenza sanitaria e l’immissione di cultura. E servono più soldi nelle casse dello stato. Se no, quali altre risorse ci sono? Da noi, invece, seppure di impossibile realizzazione, la flat tax è un’esca per catturare il voto degli ingenui. Tant’è vero che il centro destra la promette sempre, ma pur avendo governato per 12 anni, non l’ha mai applicata. In Italia la costituzione prevede una contribuzione progressiva man mano che cresce il reddito. Sarebbe un provvedimento fuori legge, oltre che deleterio, perché incostituzionale.

Ormai l’agenda Draghi è il programma che tutti i mediocri sbandierano. Vincente era Draghi non la sua agenda – Il nostro è un paese di rimpianti e remake. Ci sono ancora fascisti, socialisti, democristiani e persino comunisti, che festeggiano con macro champagne la morte di Gorbaciov. In Italia esiste solo il passato, nessuna nuova idea dalle lontane “convergenze parallele” di Moro. La verità è che manca anche chi rassomiglia ai protagonisti di quell’epoca d’oro, che non si sono riprodotti. È il momento dei minuscoli, che, per sentirsi più grandi, eliminano i migliori. Meno male che non possono vederci i grandi di un tempo. Se no, tornerebbero per prenderci tutti a calci nel sedere.

Giorgia Meloni assicura che non esiste più il fascismo. Non se n’è andato con la guerra e la limitazione di libertà –  L’occasione è recente, la campagna elettorale. Non c’è neppure un Mussolini da rimpiangere dopo avere consentito ai nazisti di violentare gli italiani. Se la signora dovesse vincere non rivolti come un calzino l’Italia che ci consente benessere e libertà come in nessun altro paese al mondo. Basta farlo funzionare un po’ meglio, magri combattendo   corruzione e criminalità. Chiudere le frontiere e isolarci è un ritorno al passato e si rischia il disastro. Orban e la Le Pen non sono modelli da seguire, come pure i suoi alleati, ma cattive amicizie da abbandonare se si è cresciuti.