E’ ‘Piatek mania’

49

Roma, 1 feb. (AdnKronos) – di Carlo Intini

“E’ passata una sola settimana ma la ” ha già colpito la nostra comunità come testimoniano i riscontri sui social, e l’attenzione attorno al giocatore del Milan è destinata a incrementarsi ancora di più”. Sono le parole del console generale polacco a Milano, Adrianna Siennicka, che all’Adnkronos ha commentato l’arrivo nel capoluogo lombardo del connazionale chiamato a sostituire Gonzalo Higuain nell’attacco rossonero. Per il giocatore 23enne un esordio da titolare in Coppa Italia da incorniciare firmato con una doppietta.

“Gli abbiamo dato immediatamente il benvenuto tramite il Twitter del consolato facendogli l’in bocca al lupo per la sua avventura e augurandogli il meglio in rossonero. Certamente lo inviteremo al consolato, cerchiamo sempre di stare vicini ai nostri sportivi. Nel caso di Krzysztof si tratta di un punto di riferimento per tanti”, prosegue il console generale ricordando i numeri della comunità: sono 95mila i polacchi secondo i dati ufficiali, di cui 33mila nel nord Italia, dati comunque da ritoccare al rialzo considerando doppia cittadinanza e altri casi che fanno lievitare il numero a 150mila cittadini polacchi nel Belpaese, 40-50mila solo nell’Italia settentrionale.

“In passato sono transitati al Milan Bargiel e Salamon ma Piatek è il primo polacco ad aver esordito in campo in una partita ufficiale. Inoltre si tratta del polacco col trasferimento più oneroso nella storia della Serie A, più di Arkadiusz Milik (attaccante del Napoli, ndr). Pianifichiamo un incontro e andremo certamente allo stadio a vederlo giocare”.

Piatek si candida ad essere la punta di diamante di una ‘colonia’ nutrita di giocatori polacchi nella massima serie, dal 2009 ad oggi infatti sono 24 i calciatori arrivati dal Paese nordeuropeo. Oltre 15 i ‘talenti’ che attualmente calcano i campi del nostro campionato: da Milik a Zielinski, passando per Szczesny, Bereszynski, Linetty e Skorupski.

“Agli scorsi mondiali, assente l’Italia, la Polonia era la Nazionale con il maggior numero di giocatori che militano in Serie A – conclude Siennicka -. Per quanto riguarda Piatek è veramente un giocatore forte e un grande professionista. Al Cracovia (dove ha giocato dal 2016 al 2018 prima di approdare al Genoa, ha segnato 32 gol, ndr) faceva reparto da solo”.