Eav: da ottobre si viaggia con “Sam”, la nuova app per la sicurezza passeggeri

54

Collegarsi con la sala operativa della sicurezza con un solo clic sul telefonino che permette agli agenti di individuare il passeggero in pericolo e di vedere e registrare la scena che si svolge davanti alla fotocamera del passeggero. E’ questa la novità per la sicurezza dei passeggeri presentata oggi a Napoli dall’Eav, e che sarà attiva “entro il 31 ottobre”, assicurato il presidente dell’ente Umberto De Gregorio.
L’app si chiama “Sam” e permette ai passeggeri di inviare con un semplice tocco sullo schermo una richiesta di aiuto che farà suonare un allarme nella centrale operativa: gli uomini della sicurezza sapranno subito dove si trova il passeggero che quindi non dovrà dare indicazioni al telefono se si trova in situazione di pericolo o ha di fronte a sé un aggressore o qualcuno che sta compiendo un atto di vandalismo. Le immagini riprese dalla fotocamera del cellulare, che si attiva automaticamente, avranno anche registrate dal server dell’Eav e quindi saranno a disposizione anche il telefono viene rubato. L’app sarà utile anche in caso di emergenza medica.
“In primo piano – spiega Umberto De Gregorio, presidente di Eav – c’è la sicurezza. La nuova app è come una ‘pistola virtuale’ nelle mani dei passeggeri che potranno difendersi, ricevendo subito assistenza e si aggiunge alle centinaia di telecamere sparse nel sistema di trasporto Eav e al personale di controllo”. La nuova app sta ultimando la sperimentazione e sarà scaricabile da ottobre. Ma c’è anche un’app per il personale dell’Eav che spesso negli ultimi mesi ha lamentato la difficoltà di lavorare in sicurezza: con “Vera”, ogni addetto avrà una telecamera e un microfono che trasmette il segnale alla centrale operativa che visualizza le immagini e registra le immagini”.
Le due app sono state illustrate da Giuseppe di Cintio amministratore di Ris Lab. Al lancio delle app anche Nicola Laitea e Stefania Ferraro dell’associazione Maestri di Strada per lanciare un programma di coinvolgimento dei giovani a tutela delle stazioni e degli spazi comuni del trasporto pubblico: ogni stazione, in particolare, sarà “adottata” da una scuola vicina e i ragazzi svolgeranno attività e laboratori, sentendo così loro quegli spazi.