Eav, De Gregorio: Giovedì l’assunzione di 30 lavoratori. Prodotti 100 milioni di utili

88
In foto Umberto de Gregorio, presidente Eav

“Polemiche con i sindacati? Basta un solo sindacato che non e’ d’accordo che si bloccano i treni, altrimenti si incappa nella condotta anti-sindacale. Siamo con le mani legate. Ritardi Circumflegrea? Situazioni sotto controllo, tutto il servizio si svolge correttamente. Sulle linee flegree ci sono i treni nuovi all’80%. Il problema dei ritardi esiste e’ collegamento al problema dei rallentamenti per le nuove norme. Con il nuovo contratto di servizio, stiamo rivedendo la linea degli orari, ma siamo in una situazione transitoria. C’è la possibilità di ancora maggiori ritardi per la Circumvesuviana con le norme che sono in vigore”. Cosi’ Umberto De Gregorio, presidente Eav, ai microfoni di “Barba&capelli”, trasmissione di Corrado Gabriele in onda su Radio Crc. “Un saluto affettuoso al nostro capo-treno Michele che nella giornata di ieri e’ stato colpito da un vandalo che avrebbe voluto fare il furbetto senza fare il biglietto, fratturandogli il setto nasale. Un atto vergognoso – ha continuato il presidente Eav – Gestione Eav? C’e’ chi dice che sia stata vergognosa: abbiamo prodotto 100 milioni di utili, abbiamo dovuto ricomprare tutti i beni, i macchinari, tutto. In 4 anni e’ cambiato tutto, Eav stava per chiudere, solida dal punto di vista finanziario. Giovedi’ firmano il contratto i primi 30 lavoratori nuovi, 20 ingegneri che ci servono come il pane”. “Circumflegrea? Dal punto di vista della sicurezza ferroviaria, vengono impone molte cautele, perche’ i sistemi di controllo sono antiquati – ha concluso De Gregorio – Stiamo studiando il rinnovamento dei sistemi di controllo per velocizzare le linee”.