Eav, domani sciopero: la strigliata di De Gregorio

49
in foto Umberto de Gregorio, presidente Eav

“Mentre si discute di sicurezza, mentre si svolge il funerale per il povero Francesco, mentre l’azienda realizza investimenti, incentiva l’esodo ed il ricambio generazionale, programma assunzioni, solidarizza con i lavoratori sul tema centrale della sicurezza, un sindacato ha il coraggio di bloccare la circolazione per motivi del tutto marginali. Quali? Formalmente per dissenso sulla procedura del lavoro interinale e sulla organizzazione della centrale operativa circolazione treni. Ma poi circola un volantino dove si parla di tutto e di piu’ e si chiede di “mandare via a calci in culo i dirigenti incapaci ed infedeli”. Sono certo che questo volantino venga smentito dalla organizzazione ufficiale di questo sindacato, perche’ altrimenti vorrebbe dire, per assurdo, che i dirigenti di Eav potrebbero urlare a gran voce di mandare via a calci in culo i dirigenti sindacali che non fanno nulla per i lavoratori e curano solo i propri interessi”. Lo scrive, in una nota, il presidente dell’Ente autonomo Volturno, Umberto De Gregorio.