Eav, intesa con i comuni flegrei per i collegamenti con i principali siti archeologici dell’area

46

Firmato, oggi, un protocollo di intesa tra i comuni flegrei e l’Eav per promuovere i collegamenti su gomma e su ferro tra la città di Napoli e i principali siti archeologici dell’area flegrea. Nel contesto di Palazzo Migliaresi al Rione Terra di Pozzuoli, è stata presentata l’intesa che partirà dal prossimo 1 luglio e relativa all’istituzione del servizio Archeobus Flegreo e del “Cuma Express”. L’atto è stato contestualmente sottoscritto dal sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, dal sindaco di Monte di Procida, Giuseppe Pugliese, dal commissario prefettizio di Bacoli, Francesco Tarricone e dal presidente dell’Eav, Umberto De Gregorio. Un accordo a cui ha già aderito il direttore del parco archeologico dei Campi Flegrei, Paolo Guglierini. Per i mesi estivi, quindi, sarà sperimentato un modo veloce e sistematico con collegamento di bus e di treni, nei week end, con 4 corse giornaliere. Il ticket di viaggio sarà comprensivo di ingersso nei siti dell’Anfiteatro Flavio, del Castello di Baia, delle Terme baiane e dell’acropoli di Cuma. È questo un modo per facilitare i turisti nel raggiungere i siti non collegati con mezzi ordinari. “È un primo passo nella direzione di integrazione tra trasporto, cultura e turismo” ha detto il presidente Eav, De Gregorio. “Sono certo – ha detto Paolo Guglierini – che questa intesa permetterà a quanti sceglieranno di visitare Napoli di potersi muovere agevolmente anche verso i Campi Flegrei”.