Eccellenze Campane e Fondazione Scudieri a sostegno del Santobono

119
Domani, domenica 17 dicembre, alle ore 10.30, nell’Aula Magna di Eccellenze Campane, il Polo del Gusto di Via Brin 69, verrà presentata“La Bontà Condivisa”, la partnership tra la Terra del Buono, la Fondazione “Achille Scudieri” e la Fondazione “Santobono”. L’obiettivo di questo sodalizio è quello di affiancare e sostenere la Fondazione Santobono nel supportare l’Azienda Ospedaliera pediatrica Santobono Pausilipon di Napoli, vera eccellenza del nostro territorio, nelle attività di assistenza, nello sviluppo di progetti di formazione e ricerca sia in campo nazionale che internazionale. Contestualmente si punta a migliorare le condizioni di vita in ospedale per i piccoli pazienti ed i loro familiari, soprattutto dal punto di vista delle problematiche sanitarie e quelle relative ad aspetti sociosanitari e psico-pedagogici. Alla presentazione della partnership, a cura della presentatrice Rai Veronica Maya, saranno presenti personaggi dello spettacolo e dello sport, oltre ad autorità e istituzioni. Madrina dell’evento è Serena Autieri, attrice, cantante, conduttrice televisiva e doppiatrice italiana. A favore di questa iniziativa, la Terra del Buono metterà in campo il panettone made in Campania, presentato quest’anno per la prima volta e frutto di un’attenta ricerca tra ingredienti genuini e gusto. Prodotto con una selezione delle migliori farine, uova fresche e frutta candita locale, la sua caratteristica principale è l’utilizzo, nella sua preparazione, di più miele e meno zucchero, per garantire una migliore digeribilità. Chi acquisterà il panettone di Eccellenze Campane contribuirà ad aiutare la Fondazione nei suoi progetti.

“Da sempre sensibile ai temi della salute e, in particolare, a quella dei bambini – commenta Paolo Scudieri, patron di Eccellenze Campane – siamo orgogliosi di sostenere questa iniziativa benefica con la quale ci auguriamo di regalare un sorriso e non solo a chi vive una condizione di difficoltà. L’Ospedale Santobono di Napoli, infatti, rappresenta un unicum nel panorama della pediatria italiana, non solo dal punto di vista sanitario ma anche e soprattutto dal lato umano del personale che vi lavora, a tutti i livelli”.