Ecco 012Tech: nasce a Caserta il primo consorzio italiano di start up

119

Ha visto la luce a Caserta il primo consorzio italiano di start up, in una open innovation che rafforza il posizionamento sul mercato anche delle più piccole.
012Tech fornirà alle aziende tutti i servizi necessari all’innovazione e alla digitalizzazione, creando e consegnando un pacchetto “chiavi in mano” dalla strutturazione del progetto al piano finanziario, fino alla concretizzazione delle necessità del cliente.
L’idea è di 012Factory, l’incubatore più grande del Mezzogiorno per fatturato e per numero di start up, che ha la sua sede proprio di fronte la Reggia di Caserta.
Ciascun consorziato è in rapporto paritetico e, insieme agli altri, creerà dei prodotti fatti su misura e con costi più bassi e accessibili per le piccole e medie imprese, che costituiscono il 96 per cento del tessuto aziendale italiano.
“Adotteremo un principio che abbiamo pensato di definire “Peer innovation”, innovazione tra pari”, dice il presidente di 012Tech Sebastian Caputo, che è anche ceo di 012Factory. “Proprio come accade in altri settori economici, le start up e le micro e piccole imprese innovative unite in consorzio non diventano più “satelliti” o subappaltatori delle medie e grandi, ma attrici di un operatore di mercato concorrente di queste ultime”.
Ci sono 10 start up più 012Factory. Si tratta di Gav Projects, Genesis Brain, Itaprosol, Cna Hub 4.0 Campania Nord, Netengine, Nexus Tlc, Sentetic, WebGas, Programmazione e Controllo, e Fifth Ingenium. Si va da soluzioni tecnologiche per la gestione e il coordinamento dei processi aziendali, all’e-commerce; dall’intelligenza artificiale all’automazione dei processi.