Ecobonus 110%, Esposito (Cnpi): I periti industriali hanno un ruolo chiave

359

“I periti industriali iscritti all’albo avranno un ruolo chiave nelle attività tecniche propedeutiche ad ottenere i benefici fiscali introdotti dal decreto rilancio in materia di efficientamento energetico e di messa in sicurezza del patrimonio edilizio esistente”.
Così Giovanni Esposito presidente del Consiglio nazionale dei periti industriali e dei periti industriali laureati ricorda il ruolo dei professionisti da sempre impegnati nel campo della progettazione impiantistica ed edilizia, e ai quali ora il legislatore con il decreto rilancio ha affidato compiti e responsabilitá precise: saranno proprio i periti industriali, tra gli altri professionisti di area tecnica, a predisporre tutti i documenti utili a qualificare gli interventi e ad attestarne la corrispondente congruità delle spese sostenute.
Le opere per le quali è previsto l’incentivo sono direttamente legate alle attività che riguardano la progettazione, direzione ed esecuzione lavori, collaudo e verifica, attività per le quali i periti industriali hanno competenze specifiche previste dalla legge. Lo stesso vale per tutte le tipologie di intervento relative alle misure di efficientamento energetico: il miglioramento della classe energetica, infatti, deve essere dimostrato attraverso l’attestato di prestazione energetica riferito alle condizioni sia ante che post intervento, che deve essere rilasciato nella forma della dichiarazione asseverata da un tecnico abilitato, tra cui appunto un perito industriale.
Lo stessa competenza di questi professionisti vale per la realizzazione degli impianti fotovoltaici, oppure per la progettazione degli impianti a servizio delle colonnine di ricarica per le automobili elettriche.
“I professionisti iscritti all’albo dei periti industriali – chiude il numero uno dei periti industriali Esposito – sono a disposizione del cittadino per supportarlo in tutto il processo di riqualificazione, giacché hanno tutte le competenze necessarie per l’esecuzione di questo tipo di interventi che permetteranno di migliorare il nostro patrimonio edilizio e di rendere i nostri edifici meno energivori con notevoli benefici anche in termini economici”.