Ecoreati, Prete: Attenzione massima

53
 
“Ancora troppe difficoltà di intepretazione normativa e verifiche non omogenee”: a lanciare l’allarme sul rispetto delle norme di tutela dell’ambiente è il presidente di Confindustria Salerno Andrea Prete nel corso del dibattito che si è tenuto giovedì 4 maggio nella sede dell’associazione. Al centro del confronto sul tema “Fare impresa nel rispetto dell’ambiente” le nuove tecniche di indagine, con supporti altamente tecnologici, per la ricerca degli ecoreati.
“Nell’arco degli ultimi anni – dice Prete – la cultura ambientale è cresciuta sul territorio e le nostre imprese si sono adeguate. Chi opera ancora al di fuori della legge con sversamenti abusivi non solo commette reati che tocca alla magistratura perseguire, ma reca anche un danno grave all’ambiente e all’economia sana introducendo nel mercato concorrenza sleale”.
Prete chiede infine maggiore attenzione sulle “ipernormazione, sulle difficolte di interpretazione e sulle verifiche non omogenee che spesso vengono fatte nelle imprese dagli enti preposti”. Stesso allarme sulle difficoltà di  interpretazione normativa è lanciato dal procuratore di Salerno Corrado Lembo.