Edoardo De Robertis primo italiano alla guida degli anestesisti europei

249

Edoardo De Robertis eletto Presidente dell’European Board of Anaesthesiology (Eba). Primo italiano a ricoprire questo incarico, De Robertis è professore associato in Anestesiologia presso l’Università degli studi di Napoli Federico II e responsabile della Uosd (Unità Operativa Semplice Dipartimentale) di Anestesiologia Ginecologica e Parto-Analgesia della Azienda Ospedaliera Universitaria della Federico II.
L’Eba è l’organo della Uems (European Union Medical Specialities) e provvede alla definizione degli standard educativi degli anestesisti europei nonché di diffondere e armonizzazione i percorsi clinico assistenziali per aumentare la qualità delle cure e la sicurezza dei pazienti. Nata nel 1957 con il trattato di Roma, la Uems è la maggior organizzazione medica europea e opera attraverso 43 sezioni specialistiche, tra cui l’European Board of Anaesthesiologists, per promuovere i più alti livelli di training specialistico in Europa.
“Sono molto orgoglioso di questo incarico – afferma Edoardo De Robertis – che conferma il prestigio, sia in ambito formativo sia nella ricerca di base, della Federico II e della scuola medica napoletana. I compiti dell’Eba sono molto delicati, di recente, per esempio, è stato ridefinito l’Educational Training Requirements sugli standard europei di formazione specialistica in anestesiologia e terapia intensiva, e a breve dovranno essere elaborati gli standard minimi europei per diversi aspetti dell’anestesiologia, come la medicina critica dell’emergenza e l’anestesia ed analgesia ostetrica”.
Laureatosi in medicina e chirurgica con il massimo dei voti alla Federico II, Edoardo De Robertis si è specializzato in Anestesiologia presso l’ateneo federiciano e, poi, ha conseguito presso l’Università di Lund in Svezia il Ph.D. in Fisiologia Clinica. De Robertis è attualmente attivamente coinvolto in numerosi progetti di collaborazione e ricerca con partner di diverse università europee e nella definizione e diffusione di linee guida per l’European Society of Anaesthesiology. E’ autore, su riviste ad alto impatto redazionale, di più di 100 pubblicazioni scientifiche altamente citate ed è stato invitato a tenere letture e relazioni a congressi internazionali e nazionali.