Elezioni Calenda: Ma Verdi e Si che c’entrano con l’agenda Draghi? La replica: Lui invece si ispira a Trump

81
in foto Nicola Fratoianni e i portavoce di Ev, Angelo Bonelli e Eleonora Evi (Imagoeconomica)

“Questo corteo contro il rigassificatore e’ supportato da Sinistra Italiana e Verdi. E’ lo stesso rigassificatore citato da #Draghi nel suo discorso alla Camera. Non capisco cosa c’entrino questi movimenti con l’agenda Draghi (che non vogliono, non avendo neppure votato la fiducia)”. Lo scrive Carlo Calenda su Twitter commentando le immagini del corteo ieri a Piombino contro il rigassificatore.
“Carlo Calenda continua a parlare di cose che non conosce: dovrebbe farsi un giro a Piombino per capire quanto sia pericoloso un rigassificatore nel porto della citta’, del quale, in quattro e quattr’otto, si stanno sbloccando tutti gli iter burocratici e di controllo, senza valutazione dell’impatto ambientale. La stessa fretta si dovrebbe mettere nelle energie pulite, come le rinnovabili, che non dipendono da situazioni geopolitiche e, guarda caso, sono fonti energetiche gratuite: il sole e il vento”. E’ la replica dei co-portavoce nazionali di Europa Verde Angelo Bonelli ed Eleonora Evi, e il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni, in risposta a un tweet di Carlo Calenda, che proseguono: “Ricordiamo che per ottenere il via libera per realizzare un impianto eolico finora ci sono voluti in media 5 anni, contro i 6 mesi previsti dalla normativa. Ecco, la proposta che noi facciamo e’ di sbloccare immediatamente gli oltre 150 GW di energia rinnovabile, tra eolico e fotovoltaico, aumentare l’efficienza della nostra rete di distribuzione elettrica e utilizzare gli accumuli idroelettrici pari a 8 GW. In questo modo produrremmo decine di migliaia di nuovi posti di lavoro, risolvendo nel contempo il problema dell’abbassamento delle bollette e della dipendenza energetica. Le politiche di Calenda sul clima sono le stesse della destra italiana, quindi Salvini e Meloni, a loro volta ispirate da quelle di Donald Trump”, concludono Bonelli, Evi e Fratoianni.