Elezioni, Calenda: Puntiamo al 20%, Paese non ce la fa più a votare gente che non riesce a governare

91
in foto il leader di Azione, Carlo Calenda (Imagoeconomica)

“Mi aspetto un risultato molto simile a quello che abbiamo fatto a Roma dove, parlando in modo serio, abbiamo preso il 20%. Penso che ci sia uno spazio nel Paese che si è stufato, che non ce la fa più a votare gente che non riesce a governare”. Lo ha detto Carlo Calenda, ospite a Rtl 102.5. “Credo che questo sia lo spazio che c’è nel Paese, poi quanto di questo spazio riusciremo a prendere non lo so dire, dipende dai cittadini. Noi possiamo fare solo la politica come gli italiani l’hanno sempre chiesta in teoria, poi sta a loro decidere se votarla o no”. Se ci fosse una mega coalizione di centro rimarrebbero indipendenti o ci farebbero un pensierino? “Non ci sarà nessuna coalizione di centro. Gli unici che stanno facendo un’operazione distinta dai due poli siamo noi, con più Europa da sempre”, ha detto Calenda. “Chi vuole venire a contribuire porte aperte, purché sia una persona per bene e di qualità, ma non ci saranno altre operazioni. Alla fine ci saranno solo tre poli: noi, la sinistra e la destra”.