Elezioni: Gelmini, ‘si cerchino alternative a seggi nelle scuole’

25

Roma, 11 giu. (Adnkronos) – “La scelta che pare ormai definitiva del governo di convocare l’election day per il 20 e 21 settembre è un altro schiaffo al mondo della scuola, alle famiglie e agli studenti. È l’indice della considerazione che le classi dirigenti di questo Paese hanno per la formazione dei giovani, i quali non sono più tornati sui banchi di scuola dal 5 marzo scorso. Con le elezioni a metà settembre sarà compromesso anche il rientro in classe: con i tempi necessari per l’allestimento dei seggi e per uno scrutinio che in molte regioni non si concluderà prima del martedì notte, le scuole perderanno un’intera settimana, cui andrà sommata una ulteriore pausa per gli eventuali ballottaggi. Un vero e proprio boicottaggio. Per questo abbiamo chiesto al governo, con un ordine del giorno al decreto elezioni, di valutare concretamente alternative al voto nelle scuole”. Lo sottolinea Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera.