Ema, “Milano tra le migliori candidate”

46

Bruxelles, 30 set. (Adnkronos) – La Commissione europea ha diffuso la valutazione delle città candidate ad ospitare l’Ema e l’Eba, prossime a trasferirsi da Londra in un altro Stato dell’Ue in conseguenza della Brexit. La valutazione si compone di 27 sommari di ciascuna offerta (19 per l’Ema e 8 per l’Eba); un ‘sommario’ (11 pagine di tabelle non troppo sintetiche) che consentono di “fare paragoni più rapidamente”; 27 griglie di valutazione “che forniscono informazioni più dettagliate su materie specifiche”. 

Ema, cos’è e come funziona

La Commissione, come anticipato, non fornisce giudizi, ma una valutazione asettica delle 27 offerte. Scorrendo rapidamente il sommario, Milano appare una delle migliori: con 50.260 metri quadrati, il Pirellone ha la metratura più vasta di tutte le sedi proposte, dopo il Business Garden di Varsavia, il quale però soddisfa solo “alcuni” dei requisiti necessari ad ospitare l’Ema, mentre il grattacielo progettato da Gio Ponti li soddisfa “tutti”.

Il capoluogo lombardo ha inoltre collegamenti aerei “diretti” per tutte le capitali europee, caratteristica questa condivisa con Vienna, in questo caso con l’eccezione di Bratislava, che dista solo 80 km, ma anche con Barcellona e con Bruxelles. Copenhagen ha voli diretti che la collegano a tutte le capitali Ue, tranne che con Bratislava, al pari di Amsterdam (spesso per raggiungere la capitale slovacca si vola su Vienna).