Emergenza rifiuti, lo stir di Avellino apre i cancelli a 3mila ecoballe

72

Lo stop al termovalorizzatore di Acerra si avvicina e la provincia di Avellino cerca di non farsi cogliere impreparata. Sarà lo Stir di Pianodardine (Av) a dover accogliere le circa 3 mila ecoballe stimate che verranno prodotte nei 35 giorni di chiusura dell’impianto di Acerra. La decisione è stata presa da IrpiniAmbiente e dalla Provincia di Avellino. Nella giornata di oggi è stata presentata alla Regione Campania la richiesta di autorizzazione per lo stoccaggio. “Le piazzole dove saranno allocate sono già opportunamente impermeabilizzate ed idonee ad accogliere le ecoballe. Si tratta delle stesse aree che furono interessate dallo stoccaggio delle circa 30 mila ecoballe prodotte nel periodo dell’emergenza”, fanno sapere da IrpiniAmbiente a cui le aree sono state concesse in convenzione dalla Provincia di Avellino. Al termine dei lavori di manutenzione straordinaria del termovalorizzatore , le ecoballe saranno progressivamente avviate a smaltimento fino a liberare nuovamente le piazzole. Allo scopo è già in corso una procedura per manifestazione di interesse per dare corso alla soluzione prospettata.