Emirati Arabi, Expo Dubai: selezionati i video dell’osservatorio Innovazione di Padiglione Italia

31
in foto il Padiglione Italia all'Expo di Dubai

Il Commissariato per la partecipazione dell’Italia per Expo 2020 Dubai e il Consiglio Nazionale delle Ricerche hanno selezionato i contributi video degli enti di Ricerca e delle Università che saranno messi in mostra in uno spazio dedicato all’innovazione, per raccontare al mondo il lavoro italiano in due settori rilevantissimi per il nostro Paese nei quali ricerca scientifica e innovazione tecnologica diventano strumenti essenziali per rispondere alle sfide della contemporaneità e della sostenibilità: l’Acqua e lo Spazio. L’Osservatorio dell’Innovazione di Padiglione Italia e i contributi video rappresentativi dell’altissimo valore della ricerca pubblica italiana saranno presentati mercoledì 14 luglio, alle ore 15, presso la sede della Stampa estera a Roma in una conferenza stampa che vedrà la presenza, tra gli altri, della Presidente del CNR Maria Chiara Carrozza e del Commissario per la Partecipazione italiana a Expo Dubai Paolo Glisenti.

La call pubblica, rimasta aperta dal 1° febbraio al 30 marzo 2021, ha ricevuto una larghissima adesione con 159 video inviati da numerosi enti di Ricerca e Università. Il CNR, ha cui è stata affidata dal Commissariato la guida scientifica dell’Osservatorio Innovazione, ha individuato, in una prima fase di pre-selezione, 54 video considerati come rispondenti alle esigenze di diffusione/divulgazione dei risultati scientifici della ricerca pubblica italiana nei settori di riferimento. Successivamente, il Commissariato e il CNR hanno selezionato i 26 video idonei ad essere trasmessi nell’Osservatorio dell’Innovazione di Padiglione Italia, per capacità innovativa in termini di sostenibilità, salute e sicurezza in un quadro di accessibilità e resilienza delle risorse ambientali, energetiche, idriche e spaziali. Tutti i video preselezionati dal comitato scientifico del CNR saranno comunque fruibili nella loro versione integrale tramite utilizzo di QRCODE che saranno visibili nell’Osservatorio.