Emirati Arabi, ingegneria made in Italy per il tetto del padiglione emeratino

40

All’Expo di Dubai la movimentazione del tetto del padiglione degli Emirati Arabi Uniti, garantita dal più grande impianto oleodinamico di questo genere mai eseguito, è stata curata da un’azienda italiana. A compiere questa opera di alta ingegneria è la Duplomatic MS, azienda milanese che rappresenta una delle eccellenze del Made in Italy, specialista nel settore dell’oleodinamica. Duplomatic è stata scelta selezionata per realizzare la struttura di Dubai grazie alla propria competenza nell’ingegnerizzazione di soluzioni destinate alla risoluzione di problematiche complesse di motion control destinate ai principali costruttori mondiali di macchine operatrici. Il padiglione emeratino si sviluppa su 15mila metri quadri ed è stato progettato dalla archistar Santiago Calatrava che, per ricreare il movimento nella struttura dell’edificio, ha immaginato il tetto del padiglione secondo un sistema ibrido tra involucro e telaio portante, suddividendolo in 28 ali distinte. Ciascuna di queste ali può essere aperta in tre minuti mettendo in risalto i pannelli fotovoltaici integrati nel tetto. Oltre a produrre energia pulita, i pannelli fotovoltaici una volta chiusi permettono di proteggere l’interno del Padiglione dalla pioggia e dalle tempeste di sabbia. Il meccanismo studiato dall’azienda milanese è costituito da una centrale oleodinamica di 1 mW di potenza e con un serbatoio contenente 20mila litri di olio con 2 km e mezzo di tubazioni in pressione che “galleggiano” sulla struttura del tetto, rendendo pertanto l’impianto compatibile con i fenomeni di dilatazione termica legati alle variazioni di temperatura e riducendo al minimo la trasmissione delle vibrazioni. Inoltre ci sono 46 cilindri oleodinamici posizionati sul tetto che sono responsabili dell’apertura delle 28 ali in materiale composito e circa 2mila punti di controllo presenti che includono valvole di ogni tipo e sensori. Per controllare tutto questo, servono circa 25 km di cablaggi e 17 quadri elettrici.

“Il padiglione disegnato da Santiago Calatrava è un’opera d’arte e la prima, grande difficoltà è rappresentata dalla traduzione di requisiti estetici ed esperienziali in parametri tecnici e ingegneristici – spiega Paolo Leutenegger, general manager di Duplomatic MS -. Il progetto per Expo di Dubai 2020 ha rappresentato una sfida importante per il nostro gruppo, sia dal punto di vista tecnico, che dal punto di vista logistico e organizzativo. Lo sviluppo del sistema di movimentazione delle ali del padiglione degli Emirati Arabi Uniti è un unicum in tutto il mondo”. Duplomatic – azienda nata nel 1952 – è una realtà che oggi raggruppa tre marchi: la casa madre Duplomatic, nata a Parabiago in provincia di Milano, è focalizzata sulla progettazione e produzione di sistemi e componenti per applicazioni industriali in tutto il mondo. Nella sede di Parabiago, si progettano e producono le valvole, a cui si affiancano la Business Unit Hydraulic Systems di Lainate, mentre a Padova si trova la parte che realizza i sistemi complessi. Inoltre, la Business Unit Turnkey Projects a Parabiago è dedicata a progetti speciali e innovativi e la Business Unit Mechatronics, che ha sede a Sulbiate nei pressi di Monza, sviluppa e realizza prodotti elettronici in ottica Industria 4.0 e a Rosta, in provincia di Torino, c’è lo sviluppo e la produzione di attuatori elettrici. Il secondo marchio ha sede a Minneapolis, negli Stati Uniti, è la Continental Hydraulics e si occupa di produrre e distribuire componenti e sistemi idraulici, elettromeccanici ed elettronici per applicazioni industriali in Nord America. Il terzo marchio è Hydreco che ha sede nel Regno Unito ed è l’azienda di riferimento del gruppo nel settore della movimentazione e dei componenti nel settore automotive e industrial per macchine su strada, fuoristrada, off-shore e per la difesa e si occupa con le proprie soluzioni di servire i grandi clienti in tutto il mondo. Accanto alle sedi nei paesi europei, come Regno Unito, Italia, Germania e Norvegia, l’azienda è presente anche in Australia, Stati Uniti, India e Cina, con stabilimenti di produzione. Dal 2020 Duplomatic MS è l’unica azienda italiana certificata Competence Center IO-Link, il protocollo di comunicazione digitale che abilita l’azienda alla realizzazione progetti globali e internazionali di industria 4.0 facilmente integrabile nelle reti industriali già esistenti.