Endocrinologia, Annamaria Colao: Approccio multidisciplinare per gestire i fattori di rischio

52
in foto Annamaria Colao (foto di Annalisa Carbone)

Al Cotugno un ambulatorio multidisciplinare per tutti gli ammalati che hanno superato la Covid, in grado di verificare non solo il recupero cardiorespiratorio e neurologico, ma quello ormonale- metabolica. L’iniziativa, in fase di messa a punto, è promossa in collaborazione con l’Uoc di Endocrinologia del Policlinico Federiciano di Napoli, diretta da Annamaria Colao.
“In tutti gli studi internazionali sulla Covid – spiega la Colao, titolare della cattedra Unesco sull’Educazione alla salute e sviluppo sostenibile – l’obesità e il diabete sono riportati come fattori indipendenti di rischio, di aggravamento e di mortalità. Purtroppo, presi dalle fasi critiche dall’emergenza, anche a livello internazionale questi fattori non vengono tenuti in debita considerazione nella gestione della malattia. Perché non registrare, nel triage, peso, altezza e circonferenza addome? Sono tre cose a costo zero che però ti stratificano il paziente a maggior o minor rischio”.
Per Annamaria Colao, che guiderà per il biennio 2021-2023 la Società italiana di Endocrinologia, prima donna presidente nella storia della SIE, sarebbe opportuno che in tutte le unità Covid, oltre a pneumologi e infettivologi, ci fosse un endocrinologo: “i pazienti che si sono ammalati di Covid – aggiunge – hanno aumentato esponenzialmente le malattie tiroidee, tutte di natura autoimmunitaria. Un effetto che riguarda, in particolare, quelli trattati con corticosteroidi, utilizzati ad alte dosi nella polmoniti, che comportano a distanza conseguenze quali consumo muscolare e infertilità”. Il lockdown non ha mai fermato l’attività dell’UOC di Endocrinologia: “anche con turni e personale ridotto – sottolinea Annamaria Colao – abbiamo gestito le emergenze e continuato ad assistere pazienti delicati, con tumori e malattie rare. Grazie alla telemedicina, che abbiamo sistematizzato sin dalle prime fasi della pandemia, siamo riusciti a rimanere in contatto in modo telematico con gli ammalati ed a mantenere numeri equiparabili a quelli pre-lockdown”.