Energia, in Campania a rischio 120 milioni di euro per l’efficienza degli edici pubblici

44

I fondi europei per l’efficienza energetica degli edifici della pubblica amministrazione non ancora assegnati e in scadenza nel 2018 ammontano in tutta Italia a 850 milioni di euro. In Campania ci sarebbero 120 milioni di euro che rischiano di essere sprecati. Lo rivela uno studio della societa’ Samso, specializzata negli interventi di efficienza energetica. Gli oltre 13mila edifici della Pubblica amministrazione italiana consumano, secondo Enea, 4,3 TWh di energia, per una spesa di oltre 600 milioni di euro. Mettendo in efficienza le infrastrutture e gli impianti di riscaldamento e d’illuminazione, si potrebbero abbattere i consumi del 40%, con risparmi annui fino a 70 milioni di euro. “Il Mezzogiorno – sottolinea l’ad di Samso, Gianpiero Cascone -, puo’ disporre di cospicue risorse destinate all’efficientamento energetico delle aziende e delle infrastrutture pubbliche. Ma, mentre i privati hanno imparato da tempo a intercettare questi fondi, rivolgendosi a societa’ specializzate che le assistono nelle pratiche e nei progetti, la PA rischia di veder sfumare milioni di Euro a causa delle lungaggini burocratiche e della mancanza di competenze progettuali interne”.