Enti camerali all’estero: domande entro fine mese

23

Devono essere presentate entro il 30 settembre le domande per la concessione di contributi a favore di Camere di Commercio italiane all’estero per lo svolgimento di specifiche attività promozionali, di rilievo Devono essere presentate entro il 30 settembre le domande per la concessione di contributi a favore di Camere di Commercio italiane all’estero per lo svolgimento di specifiche attività promozionali, di rilievo nazionale, per l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese. Lo prevede un decreto ministeriale che definisce le modalità di accesso agli aiuti per gli enti camerali che hanno ottenuto il riconoscimento ufficiale. Programma promozionale Per ottenere i contributi ciascuna Camera di commercio deve presentare il programma promozionale di attività articolato in progetti promozionali per l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese. Sono ammesse a contributo l’organizzazione di eventi promozionali a beneficio delle imprese italiane; l’organizzazione di missioni di buyer in Italia nonché di missioni di operatori italiani nel Paese di operatività della Camera di commercio; gli incontri bilaterali fra operatori italiani ed esteri; il road show e l’organizzazione di country presentation; eventi di networking; la promozione delle principali manifestazioni fieristiche italiane nel Paese di operatività dell’ente camerale; la partecipazione diretta a eventi fieristici con stand camerale; l’assistenza alle imprese italiane per inserimento nel mercato di riferimento; le attività di business scouting; le azioni formative; workshop e convegni su tematiche economico-commerciali e di investimento; le attività di comunicazione e di informazione. I costi sostenuti per spese di personale e spese generali di funzionamento non possono superare l’85 per cento del costo complessivo del programma promozionale. Gli aiuti L’agevolazione, nella forma di contributo in conto capitale a fondo perduto, è concessa nella misura massima del 50 per cento delle spese sostenute ritenute ammissibili. Ciascuna Camera di commercio dovrà inviare il programma promozionale entro il 30 settembre 2014, pena l’inammissibilità al contributo, secondo precise modalità che prevedono la presentazione attraverso il sistema informativo Pla.Net di una relazione che illustri le finalità generali dell’azione camerale, descriva le attività che l’ente intende svolgere nell’ambito delle iniziative ammissibili, indichi gli obiettivi che con tali azioni intende conseguire e determini il costo previsto per l’esecuzione del programma. Liquidazione Ai fini dell’erogazione del contributo gli enti camerali dovranno presentare, entro il termine del 31 marzo 2015, la domanda di liquidazione e la rendicontazione di spesa del programma promozionale realizzato. Sono ammesse a contributo solo le Camere di commercio che hanno realizzato programmi promozionali per un valore economico uguale o superiore ai 20mila euro.


Tipologia dell’agevolazione Contributo in conto capitale a fondo perduto Cofinanziamento Fino al 50% delle spese considerate ammissibili Spese ammissibili eventi promozionali missioni di buyer in Italia e di operatori italiani all’estero incontri bilaterali fra operatori italiani ed esteri road show e country presentation eventi di networking promozione delle manifestazioni fieristiche italiane all’estero attività di business scouting azioni formative workshop e convegni attività di comunicazione e informazione Scadenze 30 settembre 2014: presentazione programma promozionale 31 marzo 2015: domanda di liquidazione dei contributi