Erasmus +: fino a 2 milioni, il bando scade il 20 maggio

16

Contributi fino a 2 milioni di euro a sostegno della sperimentazione di misure politiche innovative nel campo dell’istruzione, formazione e gioventù. Scade il prossimo 20 maggio il bando del programma Erasmus Contributi fino a 2 milioni di euro a sostegno della sperimentazione di misure politiche innovative nel campo dell’istruzione, formazione e gioventù. Scade il prossimo 20 maggio il bando del programma Erasmus + che mette sul piatto un budget di 10 milioni di euro ripartito in due settori operativi: 8 milioni per istruzione e formazione; 2 milioni per la gioventù. Obiettivo Obiettivo generale del bando è incoraggiare la valutazione dell’impatto di misure politiche innovative attraverso prove sul campo, al fine di migliorare l’efficacia e l’efficienza dei sistemi di istruzione e formazione e delle politiche giovanili. Il bando mira a coinvolgere autorità pubbliche ad alto livello per sostenere e monitorare la riforma delle politiche tramite metodi di valutazione validi e ampiamente riconosciuti, basati su sperimentazioni svolte su vasta scala. Chi può partecipate Sono ammissibili al bando le proposte provenienti da persone giuridiche che hanno sede in uno dei seguenti paesi del programma: i 28 Stati membri dell’Unione europea; i paesi Efta/See ( Islanda, Liechtenstein e Norvegia ), i paesi candidati all’adesione all’Ue (Turchia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia; la Confederazione svizzera. In particolare possono partecipare all’invito: autorità pubbliche (Ministero o equivalente) responsabili per l’istruzione, la formazione o la gioventù al massimo livello nel contesto nazionale o regionale pertinente; autorità pubbliche responsabili per settori diversi dall’istruzione, dalla formazione e dalla gioventù (per esempio occupazione, finanza, affari sociali, sanità) qualora dimostrino di possedere una competenza specifica nel settore in cui la sperimentazione dev’essere effettuata; organizzazioni o istituzioni pubbliche o private attive nel campo dell’istruzione, della formazione o della gioventù;organizzazioni o istituzioni pubbliche o private che svolgono attività legate all’istruzione, alla formazione o alla gioventù in altri settori socioeconomici (per esempio centri di riconoscimento, camere di commercio, organizzazioni commerciali, organizzazioni culturali, organismi di valutazione, organismi di ricerca). Requisiti I progetti devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno quattro soggetti di tre diversi Paesi ammissibili al bando. Il contributo europeo può coprire fino al 75 per cento dei costi ammissibili del progetto, per un massimo di 2 milioni di euro. Scadenza Per la presentazione/valutazione delle proposte è prevista una procedura in due fasi: la prima fase (con scadenza al 20 maggio) richiede la presentazione di proposte preliminari; la seconda (con scadenza al 2 ottobre) prevede solo per le proposte preliminari valutate positivamente, la presentazione di progetti completi.