Ercolano, protesta dei commercianti: consegnate le chiavi

109
Protesta dei negozianti nelle strade dello shopping a Ercolano (Napoli) che questa mattina dalle 10 alle 12 hanno chiuso le saracinesche e in corteo si sono recati in Municipio. Qui hanno consegnato simbolicamente le chiavi a rappresentanti dell’amministrazione comunale. I commercianti, circa una quarantina con attività tra via IV Novembre e corso Resina, hanno chiesto all’amministrazione comunale adeguati servizi e strutture logistiche per incrementare le vendite e fronteggiare la crisi. Ad ascoltare le loro richieste, nell’aula consiliare, vi erano il presidente del Consiglio Comunale Luigi Simeone e Nunzio Spina consigliere delegato alle Attività Produttive. A turno i commercianti hanno preso la parola. C’è chi ha puntato l’indice su marciapiedi troppo larghi che non consentono la sosta alle auto neanche su un lato e, di conseguenza, comportano un calo della clientela. ”Oggi nessuno si ferma a parcheggiare con il risultato che siamo fortemente penalizzati nelle vendite”, ha detto uno dei negozianti con l’attività vicino agli Scavi archeologici. C’è chi ha chiesto che le due aree parcheggio all’interno delle scuole ‘Giulio Rodinò’ in via IV Novembre e ‘Iovino Scotellaro’ a traversa IV Novembre, di recente riaperte alla cittadinanza, ”vengano regolamentare con un disco orario e vigilate” per consentire ai clienti di sostare e fare acquisti ed evitare, così, la sosta prolungata a chi non è intenzionato a farne. La richiesta è stata unanime: più aree di sosta per dare linfa a un commercio già in difficoltà. Al termine dell’incontro, nell’aula consiliare, una commerciante ha raccolto in un cestino le chiavi delle attività che i colleghi presenti hanno consegnato in segno di protesta.