Ercolano ricorda Salvatore Barbaro, vittima della camorra. Il sindaco Buonajuto gli intitola uno slargo

51
in foto Ciro Buonajuto, sindaco di Ercolano

Si terrà domani, mercoledì 16 giugno, alle ore 11, la cerimonia ufficiale di intitolazione di Largo Salvatore Barbaro ad Ercolano. La cerimonia sarà anticipata alle ore 10.00 da un momento di confronto sui temi della legalità presso le sale del Mav– Museo Archeologico Virtuale (Via IV Novembre 44), alla presenza delle autorità cittadine, dei membri delle associazioni antiracket e delle forze dell’ordine e della magistratura. “Con la cerimonia di intitolazione di Largo Barbaro – ha dichiarato il sindaco Ciro Buonajuto – vogliamo ricordare una vittima innocente della criminalità, ma allo stesso tempo vogliamo ricordare una città che grazie al coraggio dei commercianti, al lavoro straordinario delle forze dell’ordine e della magistratura oggi è libera”.
Era il 13 novembre del 2009 quando il giovane cantante Salvatore Barbaro fu ucciso per errore, perché aveva la stessa automobile del boss: “Via Mare e tutta l’area circostante è al centro di un processo di riqualificazione – ha spiegato Buonajuto -, perché la camorra, il degrado si combatte con la bellezza. Una zona che stiamo riqualificando attraverso una passeggiata archeologica, perché l’obiettivo dell’amministrazione è quello di costruire intorno alla cultura e alla legalità. Dove prima c’era la camorra, domani dovranno esserci i turisti, i giovani e la bellezza”.