**Ergastolo ostativo: Guzzetta, ‘non è ordinanza libera tutti, rimuove ostacolo a legislatore’** (2)

8

(Adnkronos) – Sul piano istituzionale, “non si tratta di scegliere tra dentro tutti e fuori tutti, ma di valutare in concreto e stabilire procedure legislative che possono differenziare la posizione dei condannati. La Corte – rimarca il costituzionalista – ha ritenuto che in ragione di un principio di collaborazione istituzionale fosse opportuno offrire al Parlamento la possibilità di disciplinare la materia avendo il legislatore un margine operativo più ampio di quanto non abbia il giudice costituzionale. Ciò perché la Corte cita già un dibattito parlamentare e delle proposte di legge ed in quanto questa problematica poi ha un effetto sulla situazione di altre tipologie di ergastolo che si troverebbero in una situazione di trattamento irragionevolmente indifferenziato”.