European Biotech Week, Sifo protagonista con i giovani: eventi anche in Campania

19

Dalla Lombardia al Veneto, dalla Puglia alla Campania: la European Biotech Week (EBW) appena conclusa ha fatto registrare numerosi incontri e appuntamenti in tutta Italia promossi dalla Societa’ Italiana di Farmacia Ospedaliera e dei Servizi Farmaceutici delle Aziende Sanitarie (SIFO), occasione per tanti cittadini per incontrare le biotecnologie per la salute, oltre che per confrontarsi con professioni ed operatori del settore in una ricca rete di eventi proposti soprattutto al mondo studentesco e dei giovanissimi. Particolarmente attiva per la EBW, l’Area Giovani SIFO ha organizzato 3 eventi in citta’ diverse (Milano, Padova, Bari) sfruttando la capillarita’ sul territorio di questo gruppo di specializzandi e neo-specializzati. È il secondo anno in cui l’Area Giovani ha partecipato a questa iniziativa con un approccio che ha premiato le relazioni con gli altri soggetti autorevoli del territorio, proponendo una serie di approfondimenti sul tema dei vaccini, collaborando a Milano per cercare di raggiungere le figure professionali ospedaliere, lavorando a monte per formare le nuove figure in relazione con l’Universita’ di Padova e relazionandosi con l’Ordine dei farmacisti a Bari per cercare di sensibilizzare il farmacista di comunita’. Nel capoluogo lombardo il 27 settembre in collaborazione con l’ASST Fatebenefratelli-Sacco si e’ tenuto un workshop in cui Catia Borriello (Direttore UOC Vaccinazioni dell’ASST Fatebenefratelli-Sacco) ha esposto lo stato dell’arte delle vaccinazioni e il Piano Regionale di Prevenzione Vaccinale in Lombardia, mentre Enrica Ciceri e Patrizia Richelmi (farmaciste del Fatebenefratelli-Oftalmico) hanno esposto le competenze e criticita’ del farmacista nella gestione delle vaccinazioni. A seguire Corrado Confalonieri e Sophia Campbell Davies (componenti dell’Area Giovani SIFO), hanno trattato l’argomento della Vaccinovigilanza a livello nazionale confrontando i dati con le realta’ regionali della Lombardia e dell’Emilia Romagna. Il 28 settembre, invece, al Dipartimento di Scienze del Farmaco a Padova in collaborazione con l’Associazione Alumni si e’ tenuto un incontro in cui Vincenzo Baldo (professore ordinario della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Universita’ degli Studi di Padova), ha proposto un excursus interessante sullo stato dell’arte dei vaccini, mentre Giuseppina Napoletano (Direttore dell’Unita’ Organizzativa Prevenzione e Sanita’ Pubblica, Regione Veneto) ha presentato il Piano Regionale di Prevenzione Vaccinale. Nel suo intervento Luciano Flor (Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera di Padova) ha approfondito il tema delle Vaccinazioni per gruppi di popolazione e di gruppi a rischio, mentre Ugo Moretti (Responsabile del Centro Regionale di Farmacovigilanza del Veneto) ha parlato dell’importanza della Vaccinovigilanza. Il giorno successivo a Bari in collaborazione con l’Ordine dei Farmacisti si e’ tenuto l’incontro in cui Chiara Lamesta e Cataldo Procacci (componenti dell’Area Giovani) hanno mostrato i risultati di una survey effettuata su un campione di cittadini; durante l’evento Carlo Franchini (direttore della SSFO di Bari), ha presentato i vaccini nella storia della farmaceutica, Silvio Tafuri (ricercatore presso l’U.O.C. Igiene c/o Policlinico di Bari) ha approfondito il valore della vaccinazione e l’impatto sulla salute della popolazione, mentre Maria Vittoria Lacaita (membro Area informazione scientifica, educazione e informazione al paziente SIFO) ha presentato un case report di vaccinazioni “sbagliate”, e Roberta Lupoli (Farmacista a contratto per la Farmacovigilanza ASL/Bari) ha trattato l’argomento della Vaccinovigilanza in Puglia. All’interno del programma della Biotech Week, la SIFO in Puglia ha dedicato altri approfondimenti in tema di vaccini: due di essi si sono svolti a Lecce presso due licei, lo scientifico “Cosimo De Giorgi” ed il classico “Giuseppe Palmieri”. I ragazzi dell’ultimo anno hanno appreso informazioni sulle biotecnologie, approfondendo il tema dei vaccini, grazie all’interazione dei docenti di entrambe le scuole, di esperti e del componente del Consiglio Direttivo di SIFO Maria Ernestina Faggiano. Con loro l’appuntamento si ripetera’ tra due settimane perche’ gli allievi di entrambi i licei presenteranno la risultanza di lavori di ricerca sui vaccini, attraverso la ricerca bibliografica di prove a sostegno della vaccinazione, e la preparazione di una campagna a sostegno dell’uso di questi farmaci. Proseguendo negli incontri proposti da SIFO, da segnalare e’ poi l’evento di Napoli (25 settembre) tenutosi presso l’UOC Formazione, Ricerca e Cooperazione Internazionale dell’AORN “A.Cardarelli”: si e’ trattato di “Nuove frontiere nella chirurgia robotica”, organizzato dall’Area Dispositivi Medici della SIFO. Il target a cui e’ stato rivolto l’appuntamento e’ quello degli studenti universitari e addetti al settore, in quanto la SIFO e’ da sempre impegnata a sostenere i giovani nel loro cammino professionale e a promuovere attivita’ interdisciplinari. Si sono succedute presentazioni tenute da farmacisti per illustrare le normative e la gestione del dispositivo medico in ambito ospedaliero, ponendo particolare attenzione all’HTA; una relazione tenuta dall’ingegnere biomedico che ha illustrato la parte tecnica legata all’attivita’ robotica e le potenzialita’ future della robotica; infine relazioni tenute da chirurghi del Gruppo RAIN (Robotic Academy Intuitive Naples) hanno illustrato le applicazioni in chirurgia generale, urologica, toracica e ginecologica. Sempre a Napoli l’Area Informazione Scientifica, Educazione e Informazione Sanitaria della SIFO in collaborazione con il Dipartimento di Farmacia dell’Universita’ Federico II e l’AORN “A. Cardarelli” ha organizzato per la EBW, il 26 settembre, un evento/laboratorio dal titolo “Malattie autoimmuni: le biotecnologie al servizio della persona”, con il duplice obiettivo di integrare l’aspetto squisitamente “tecnico/scientifico” delle biotecnologie nel miglioramento delle qualita’ delle cure e della vita dei pazienti affetti da malattie autoimmuni, con quello “umanistico” di ri-valorizzazione della relazione terapeutica tra il professionista della salute e il paziente, attraverso la metodologia della Medicina Narrativa. L’evento ha visto la partecipazione del capo Dipartimento della Federico II, Ettore Novellino, che ha illustrato i passaggi storici dell’evoluzione del bene “farmaco”. Allo spazio “tecnico/scientifico” sulle malattie reumatiche sistemiche e terapie biotecnologiche, ha fatto seguito lo spazio “umanistico” con una breve cenno di Daniela Scala sulla Medicina Narrativa e le Medical Humanities. La giornata si e’ conclusa con il contributo della vicepresidente dell’ Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatologiche e Rare (APMAR), Maddalena Pelagalli, che oltre a portare il punto di vista dei malati, ha consentito ai partecipanti di mettersi “nelle mani” delle persone con malattie reumatologiche grazie all’uso di un “guanto esperienziale” che consente a chi l’indossa di sperimentare le difficolta’ che queste persone incontrano nel compiere le piu’ banali operazioni quotidiane. Dinamici e ricchi di forza dialogica, gli eventi proposti da SIFO all’interno della European Biotech Week hanno cosi’ permesso ai farmacisti ospedalieri di incontrare centinaia di giovani e studenti, mettendo proprio in campo quei principi ispiratori della Societa’ che prevedono, tra gli altri, la diffusione della cultura scientifica e la divulgazione di saperi corretti a tutto vantaggio dei pazienti.