Eurostars 3, ricerca e sviluppo nelle Pmi: finanziamenti fino a 250mila euro

58

Il primo bando Eurostars 3 è dedicato a progetti di R&S e di innovazione volti a sviluppare prodotti, processi o servizi destinati al mercato.

L’iniziativa è parte della nuova European Partnership for Innovative SMEs di Horizon Europe ed è uno strumento di finanziamento che sostiene Pmi innovative e partner di progetto (grandi aziende, università, organizzazioni di ricerca e altri tipi di organizzazioni) finanziando progetti collaborativi internazionali a tema R&S e innovazione.

L’obiettivo è promuovere, in tutti i settori, attività di ricerca collaborativa a livello internazionale e la condivisione di competenze. In totale sono 37 i Paesi, tra cui l’Italia, attualmente membri del network europeo EUREKA, che mettono a disposizione risorse umane e finanziarie per realizzare i progetti selezionati.

Per l’Italia, il Ministero dell’Università e della Ricerca (MUR) è l’Ente che finanzierà Pmi, grandi imprese ed enti di ricerca che partecipano al bando Eurostars. L’importo massimo del finanziamento è una sovvenzione di 250.000 euro per progetto, con tassi di cofinanziamento che variano a seconda delle tipologia di partecipante.

Per candidarsi, è necessario soddisfare i seguenti criteri di ammissibilità: il consorzio deve essere guidato da una Pmi innovativa di un paese partecipante al network EUREKA; deve essere composto da almeno due entità indipendenti l’una dall’altra; deve essere composto da entità provenienti da almeno due paesi partecipanti; almeno la metà dei costi di ciascun progetto deve essere sostenuta da Pmi; un singolo partecipante o paese non può essere responsabile per più del 70% del budget totale; il progetto deve avere durata massima di 36 mesi; il progetto ha un focus esclusivo sulle applicazioni civili. Il nuovo bando si chiuderà il 4 novembre.