Eventi, tutto pronto per la cerimonia dell’Universiadi: Bocelli guest star

233
bdr

Anche un artista di fama mondiale come Andrea Bocelli per uno degli eventi più importanti degli ultimi decenni a Napoli. Ormai allo Stadio San Paolo è tutto pronto per la Cerimonia di Apertura dell’Universiade 2019, l’evento finanziato e fortemente voluto dalla Regione Campania per rilanciare l’immagine della città e della Campania. Il sipario si aprirà mercoledì 3 luglio alle 21 quando riflettori di tutto il mondo saranno puntati su Napoli. All’evento, per l’Italia trasmesso in diretta sul Rai 2, saranno collegate tantissime emittenti estere.

Lo show è organizzato da Balich Worldwide Shows, che già ha firmato i successi di oltre 20 eventi inaugurali della stessa portata, da Torino 2006 a Rio 2016 passando per Expo Milano 2015. Sul campo oltre 1000 performer per un spettacolo di luci, musica e coreografie che rimarrà indelebile nella memoria degli atleti universitari giunti da 127 paesi del mondo.

La regia e la direzione artistica della cerimonia sono di Lida Castelli, che già conosce Napoli essendo stata direttrice artistica della Cerimonia dell’Americas Cup World Series del 2013.

La novità è la presenza di Andrea Bocelli, tenuta in gran segreto fino ad una settimana prima dell’evento e annunciata in una conferenza stampa alla Rai di Napoli dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. “La cerimonia d’apertura del 3 luglio – ha detto – sarà uno spettacolo memorabile”.

Constatare i lavori effettuati agli impianti sportivi, ha aggiunto, “è stata in questi giorni un’emozione incredibile, a cominciare ovviamente dallo stadio San Paolo che è l’investimento più grande e che i nostri concittadini avranno modo di verificare la sera del 3 luglio quando inauguriamo le Universiadi”.

Quanto alla cerimonia “abbiamo lavorato fino agli ultimi minuti per avere Andrea Bocelli qui con noi, lo abbiamo raggiunto in California dove era impegnato nella sua attività professionale, e avremo il Presidente Mattarella. Lo sforzo organizzativo è stato immenso, da parte delle forze dell’ordine, la questura, l’esercito. Abbiamo lavorato sulla viabilità, la sicurezza, i rapporti con le diplomazie dei vari paesi del mondo. Ci siamo preparati con l’ASL Napoli1 per i problemi sanitari, uno sforzo gigantesco che mi auguro sia premiato. Sono sicuro che saremo in grado di offrire al mondo l’immagine più bella di Napoli, della Campania, di queste terre ricche di storia, cultura, opere d’arte, ambiente e saremo in grado di rappresentare da Napoli l’Italia intera, l’Italia unita”.

Il concept della manifestazione è stato individuato nella “U” del logo dell’Universiade che rappresenta un grande abbraccio con due enormi braccia protese verso gli oltre 8000 atleti che invaderanno la città di Napoli e la Campania.

Il segmento d’apertura vedrà protagonista Mariafelicia Carraturo, apneista profondista napoletana titolare del record del mondo di specialità, che interpreterà l’incantevole Sirena “Partenope”, mascotte dei Giochi, che porterà il mare ad invadere il terreno di gioco dello stadio San Paolo; effetti speciali che lasceranno senza fiato. Subito dopo il palco si trasformerà in una cartolina ipertecnologica, con un Vesuvio tridimensionale, per i segmenti di tributo agli atleti di tutto il mondo. Poi spazio a due donne piene di carisma, forza e coraggio: Malika Ayane, tra le cantautrici più eclettiche e apprezzate del panorama musicale italiano e Bebe Vio, studentessa universitaria, campionessa paralimpica, uno dei simboli sportivi più amati del nostro Paese.

Spazio anche alle eccellenze culturali. Il famoso affresco del Tuffatore di Paestum, rappresenterà, in una scena, l’unione tra passato e presente, tra sport e cultura. Quindi la musica di Anastasio, 21enne studente e rapper napoletano che farà da amplificatore alla voce delle nuove generazioni accendendo il “fuoco della conoscenza”, tutto questo mentre centinaia di judoka, provenienti anche della palestra di Gianni Maddaloni di Scampia, si esibiranno creando, una dopo l’altra, scene raffiguranti le diciotto discipline sportive in gara.