Evento di solidarietà a Villa Domi per lo sviluppo dei rapporti Italia Cuba

49

Organizzato dall’Avvocato Alessandro Senatore, che collabora con il Consolato Cubano di Roma guidato da Yahazimell Fernandez Silva, nonché Presidente dello Sportello Consolare Campano; prima sede consolare itinerante della Repubblica di Cuba al Sud; si è svolto il 4 Marzo presso l’amena location di Villa Domi, alla Salita dello Scudillo 19 A, una serata di beneficenza per contribuire al progetto ‘Suoni latini suoni di pace’ , per i bambini delle comunità di Sant’Egidio di Buenos Aires-La Habana-Napoli: “I gesti di solidarietà fanno bene non solo a chi li riceve ma anche a chi li fa. Abbiamo raccolto 2500 euro , con i quali compreremo strumenti musicali e  impianti di amplificazione per i bambini della comunità, e al termine del progetto sarà realizzato un cd musicale. Durante la serata sono state raccolte le iscrizioni al ‘Forza Napoli Club Habana’ per l’altro progetto di solidarietà: Regala un campo di calcio regolamentare  ai 150  ragazzi di Regia Habana, un quartiere periferico  dell’Avana, che giocano nella squadra con tale nome “. 

facebook 1457604828125Molti musicisti napoletani si sono formati a Cuba e l’imprenditoria musicale partenopea, ha spesso ravvisato tante opportunità nella richiesta tecnica e didattica che le esigenze del popolo cubano richiedono, come continua Alessandro Senatore: “I musicisti napoletani  Marco Francini, Giovanni Imparato, Mauro Marigliano, hanno dato la disponibilità ad insegnare musica ai ragazzi della Comunità di Sant’Egidio. Sono piccoli semi che produrranno bei frutti di amore e di pace”.

Parallelamente alla solidarietà, occorre sottolineare che l’Istituto di Cooperazione Sviluppo Italia Cuba del Presidente Alessando Senatore, è stato presente ancora una volta, alla XXXII Fiera Internazionale dell’Avana con un proprio spazio espositivo, all’interno del ‘Padiglione Italia’ allestito dall’ICE. L’attività dell’Istituto non si è mai limitato allo studio dei problemi economici, ma si è estesa all’approfondimento dei legami culturali e storici che uniscono i due Paesi, e che possono mediare formazione, solidarietà e management proprio in un momento di fervidi cambiamenti. La Fiera è stata focalizzata sui settori utili allo sviluppo economico ed industriale di Cuba: edilizia, energie alternative, prodotti alimentari e agricoltura in genere: “ Era il 1994 quando, e per la prima volta, organizzai un convegno con gli imprenditori napoletani per illustrare la nuova legge cubana sugli investimenti esteri. Da allora sono passati 20 anni e sempre mi reco all’Havana, per promuovere le aziende campane che operano nel settore più richiesto dagli investimenti e necessità dell’isola caraibica: acciaio, ristorazione e turismo”.

Cuba vuole investire per il 2016 7 miliardi e 840 milioni di dollari; un miliardo in più rispetto all’anno precedente. Il  58% dell’importo totale dell’investimento porto cuba andrà ai settori ‘chiave’ dell’economia cubana, come il turismo in primis; 711 milioni di dollari saranno stanziati per investimenti nel settore dell’energia e delle sue fonti come il petrolio; 608 miliardi saranno invece dedicati all’agricoltura. 318 milioni di dollari saranno dedicati, ad affrontare le siccità che per  il 2016 , stando alle previsioni, avrà un ulteriore incremento; 304 milioni di dollari  saranno assegnati alle infrastrutture nella zona di sviluppo speciale del porto di Mariel. Altri settori saranno l’industria dello zucchero, dei servizi igienico sanitari, le biotecnologie e le telecomunicazioni : “Il tempo di risposta dell’autorità è previsto tra  45 e 60 giorni al massimo, e la legge ‘Ley de Iversion Extraniera’ prevede vantaggi fiscali per le imprese che desiderano investire , consistente in esenzioni e tassi speciali “.