Evja, da Acerra tecnologie hi-tech al servizio dell’agricoltura

358

Si chiama Evja ed è una giovane realtà frutto delle idee di tre giovani di Acerra che, in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, hanno messo a punto tecnologie innovative per il controllo in agricoltura. Il sistema Opi (Osserva previeni e intervieni) funziona tramite una piattaforma di sensori che rilevano dati climatici in tempo reale. Il monitoraggio riguarda specifiche colture, quelle della IV gamma, ossia ortaggi freschi e naturali ma tagliati e pronti all’uso e della V gamma ossia gli ortaggi precotti, senza l’aggiunta di conservanti o condimenti. Ma l’applicazione sta per essere estesa anche alle colture di pomodori in serra e in campo aperto. Il rilevamento avviene attraverso l’installazione di centraline nelle serre, dove vengono rilevate umidità, temperatura e bagnatura della foglia, oltre alla radiazione solare.

I dati climatici vengono incrociati grazie ad algoritmi predittivi e il risultato consente di creare un’agenda utile per gli agricoltori, che sanno in questo modo quando trattare i prodotti, sapendo prima quando ricorrono ad esempio le condizioni climatiche per la formazione di funghi o muffe. Al tempo stesso con questo sistema è possibile suggerire il fabbisogno idrico, e correlare la resa del raccolto in base alle condizioni climatiche complessive.

I tre startupper hanno alle spalle tre formazioni diverse come quella giuridico economica, di ingegneria elettronica e di sviluppo software. Per uno dei tre fondatori, Davide Parisi, il legame con la terra deriva dall’attività dei trisavoli, un tempo produttori di grano con il quale realizzavano pane.

I tre soci sono cresciuti grazie ad esperienze all’estero in Spagna, Germania e Olanda. Dopo aver condiviso l’idea di sviluppare un software nel settore dell’agricoltura.

Grazie alla multinazionale svizzera Rwa hanno effettuato un percorso di accelerazione specifica nel settore Agrotech, risultando tra le 5 startup di Agroinnovationlab.

Parallelamente hanno svolto un approfondimento nel mercato agricolo ed un percorso di accelerazione a Roma con il Startupbootcamp foodtech, dove hanno perfezionato il venture development.

La sede operativa della startup si trova a Napoli nei nuovi uffici Regus di Via Benedetto Brin 69.