Ex Irisbus, è svolta: pronti 25 milioni e contratto di sviluppo

44

Svolta nella vertenza ex Iribus. “Al termine del tavolo romano di questa mattina – si legge in una nota della Giunta regionale – , alla presenza del sottosegretario Claudio De Vincenti, e al quale hanno preso parte per la Regione Campania gli assessori Amedeo Lepore (Attività Produttive) e Sonia Palmeri (Lavoro), l’amministratore delegato di Invitalia Domenico Arcuri, le rappresentanze sindacali e il sindaco di Flumeri Angelo Lanza insieme ai rappresentanti del ministero dello Sviluppo, è stata raggiunta l’intesa che sblocca la vertenza dell’ex Iribus, oggi “IIA” (Industria Italiana Autobus)“.

Il prossimo 7 aprile il Consiglio d’amministrazione di Invitalia approverà il programma di investimenti per 25 milioni ed entro un mese sarà sottoscritto il contratto di sviluppo. Parte così, con l’impegno del Governo nazionale e della Regione guidata dal Presidente Vincenzo De Luca, la reindustrializzazione dell’area con prospettive concrete di occupazione anche per i 290 operai ex Iribus. Inoltre la sede legale dell’azienda – è stato stabilito – sarà proprio a Flumeri. “È una giornata importante quella di oggi – hanno dichiarato gli assessore Lepore e Palmeriper lo sviluppo e il futuro occupazionale della Valle dell’Ufita. Grazie all’impegno di Governo e Regione si riavvia il percorso di reindustrializzazione di Flumeri, obiettivo che i lavoratori hanno tenacemente voluto e che l’azienda si è impegnata a perseguire. Seguiremo da vicino le tappe e l’iter indicato dal tavolo, collaborando con il Governo per ottenere una nuova fase di sviluppo di un’area come quella della Valle dell’Ufita, strategica per la Campania”.