Export, l’Italia fa meglio di Francia e Germania

23

Sulle esportazioni l’Italia vince il derby con Francia e Germania e torna a crescere in Europa. I dati diffusi oggi dall’Istat, relativi al periodo gennaio-novembre 2015, evidenziano un incremento del 4 per cento della vendita di prodotti in Paesi dell’area Ue. Bene anche i numeri relativi all’export extra Unione Europea (più 3,3 per cento) mentre risultano in calo le esportazioni verso Russia (meno 25,9 per cento), ma in questo caso pesano le sanzioni, e Mercosur (meno 13,5 per cento), per colpa del cattivo andamento delle economie dell’America Latina. A novembre 2015 l’export italiano cresce del 3,5 per cento e supera quelli di Francia (3 per cento) e Germania (0,4 per cento). Sempre nel periodo gennaio-novembre 2015 la bilancia commerciale registra un surplus di 77,3 miliardi di euro (7 miliardi in più del 2014), incremento dovuto al minore peso del deficit energetico.  “La crescita in Europa testimonia la necessità di una rinnovata attenzione sui mercati di tradizionale riferimento per le imprese italiane. E su questo la rete delle Camere italiane all’estero può dare un forte contributo di collegamento con l’imprenditoria locale”, dichiara Gian Domenico Auricchio, presidente di Assocamerestero, commentando i dati Istat sul commercio estero. “Le esportazioni in Francia e Germania, nostri primi due mercati di sbocco, segnano infatti un’accelerazione, con un valore delle vendite che nei primi undici mesi del 2015 supera complessivamente gli 86 miliardi di euro”, conclude.