Export, rallenta l’economia asiatica e anche il made in Italy frena

60

Ad agosto calano le esportazioni dei prodotti italiani: meno 3,6 per cento rispetto al mese di luglio. Anche a livello di saldo si registra, nello periodo, un calo di 430 milioni di euro, comunque inferiore a quello sperimentato dai nostri competitor europei, in primis la Germania, che in un solo mese vede ridursi il proprio avanzo commerciale di quasi 3 miliardi di euro. Un dato che, comunque, era stato previsto dagli analisti e dagli addetti ai lavori.Gaetano Fausto Esposito1Agosto – spiega Gaetano Fausto Esposito -, segretario generale di Assocamerestero – è senza dubbio un mese particolare per l’andamento dei flussi commerciali; e questa volta ancora di più perché il dato riflette inevitabilmente il rallentamento dei mercati asiatici che ha caratterizzato il periodo estivo. Non è un caso, infatti, che a sperimentare un calo più consistente del nostro delle esportazioni sia la Germania, con un meno 5,2 per cento rispetto a luglio, Paese più esposto dell’Italia sui mercati Extra- Ue”. Guardando ai settori, la meccanica si conferma baluardo del Made in Italy nel mondo, con una quota del 18,6 per cento dell’export italiano e un surplus che sfiora i 32 miliardi di euro nei primi otto mesi del 2015, in linea con il dato dello scorso anno. “Da non sottovalutare, riguardo le tipologie di beni – prosegue Esposito -, il dato delle importazioni di beni strumentali, che nel periodo gennaio-agosto 2015 aumentano del 16,6 per cento, è a testimonianza di come la macchina produttiva italiana si stia rimettendo in moto e per questo incrementi l’acquisto di prodotti dall’estero da impiegare nei processi industriali”. Per i Paesi di destinazione, Spagna (più 18,3 per cento ad agosto su base annua), Francia (più 9,2 per cento ad agosto su base annua) e Stati Uniti (più 13,1 per cento) danno ossigeno alle esportazioni italiane, mentre continua a preoccupare il continuo assottigliamento della quota export destinata alla Russia (arrivata al 2,4 per cento dal 2,8 per cento dello stesso periodo 2014).