F2i, che affare: solo 35 milioni per rilevare le quote di Gesac in mano al Comune di Napoli

119

F2i Sistema Aeroportuale Campano approfitta delle difficoltà finanziarie del Comune di Napoli e si prende le quote dell’amministrazione nel capitale di Gesac per 35 milioni di euro. L’operazione, conclusa nel corso di questo fine settimana, sancisce l’uscita di scena di Palazzo San Giacomo dalla società di gestione dell’Aeroporto di Napoli e il contestuale rafforzamento della posizione di F2i, che già detiene la maggioranza delle azioni di Gesac mediante le controllate F2i Sistema Aeroportuale Campano e F2i Aeroporti. Per Il Comune di Napoli una scelta obbligata. “I soldi – dicono dall’entourage del sindaco Luigi de Magistris – saranno utilizzati per continuare nell’opera di ripianamento del debito pubblico”. Contro questa decisione si scaglia però l’eurodeputato Andrea Cozzolino del Pd. “La decisione del Comune di Napoli di svendere ai privati le quote già non maggioritarie dell’aeroporto di Capodichino è una scelta sbagliata e senza strategia. Una decisione che ci pone ai margini della gestione di una delle strutture strategiche della città e dell’economia campana”, dice Cozzolino. “Dietro questa decisione non c’è una chiara strategia amministrativa, ma solo la necessità di fare cassa per ripianare i debiti del Comune. Il sindaco ha così immolato la sua rivoluzione dei beni comuni in nome delle logiche di mercato. Il tutto per mettere a posto la situazione finanziaria disastrosa dell’ente di Palazzo San Giacomo. Un’emergenza sulla quale pesano gli ultimi 7 anni di gestione allegra del bilancio comunale”, conclude.