Famiglia massacrata in Macedonia, fermata la figlia

10

Trieste, 3 set. (Adnkronos) – Blerta Pocesta, insieme ad altre due persone, è stata perché sospettata dell’uccisione del padre Amit, della madre Nazmije e della sorellina Anila lo scorso 27 agosto a Debar, dove le vittime, residenti a Sacile (Pordenone), si erano recate per il matrimonio di un familiare. Il ministero dell’Interno macedone ha confermato in una nota che esiste il “ragionevole sospetto” che Blerta, 28 anni, abbia ucciso i genitori e la sorella con la complicità di F.G., 31 anni, e V.K., 61 anni, che avrebbero fornito alla presunta assassina la pistola del delitto e la possibilità di rientrare rapidamente in Italia. I tre sono in stato di fermo per 48 ore.

Secondo quanto riferisce un cugino, Amir Findo, la ragazza avrebbe addirittura confessato il triplice omicidio. I sospetti degli inquirenti erano subito ricaduti nell’ambito familiare, anche se in un primo momento sembrava che Blerta Pocesta fosse rimasta in Italia per motivi di lavoro. Ma alcune fotografie la ritrarrebbero in Macedonia nelle ore del massacro. Le persone fermate sarebbero state identificate attraverso l’esame del Dna effettuato su campioni prelevati nei giorni successivi alla tragedia.

Il massacro di Debar è avvenuto nella notte del 27 agosto ma i corpi sono stati ritrovati solo un paio di giorno dopo, quando alcuni parenti e amici delle vittime si erano insospettiti vista l’assenza delle tre vittime ai festeggiamenti del matrimonio per i quali si erano recati in Macedonia e per le mancate risposte alle chiamate e ai messaggi sul cellulare.