Farmaci, le Regioni in piano rientro usano meno equivalenti

46
 
Le Regioni italiane in piano di rientro per la spesa sanitaria sono quelle che ricorrono meno al consumo di farmaci equivalenti. Lo sottolinea uno studio elaborato da QuintilesIMS presentato questa mattina a Roma durante l’assemblea pubblica di Assogenerici. “E’ veramente una situazione paradossale: le regioni del nostro Paese piu’ povere e che sono in piano di rientro nel settore sanitario sono quelle che utilizzano meno i farmaci generici, che sono meno costosi di quelli brandet”, ha sottolineato il presidente di QuintilessIMS, Sergio Liberatore. “E’ in queste regioni che incide di piu’ il costo aggiuntivo che i cittadini pagano per avere il farmaco di marca, un costo che, a livello nazionale, ammonta a un miliardo”. Le regioni in questione sono Lazio, Campania, Calabria, Sicilia, Molise, Puglia e Basilicata. Le piu’ virtuose, cioe’ quelle dove si ricorre maggiormente a farmaci equivalenti, sono invece la provincia autonoma di Trento, la Lombardia, il Friuli Venezia Giulia, il Veneto, l’Emilia Romagna, il Piemonte e la Toscana. A livello nazionale il prezzo medio di un farmaco equivalente e’ inferiore di circa il 23% rispetto ad un farmaco di marca, segnala ancora Liberatore spiegando che il maggiore ricorso a farmaci ‘branded’ nelle regioni con il pil pro capite piu’ basso “e’ dovuto ad un insieme di scelte di tipo culturale prese dai medici, ma anche dai pazienti e dai farmacisti”. Per avere un’idea delle proporzioni delle differenze nell’utilizzo degli equivalenti, basti pensare che, sempre secondo lo studio, nelle regioni di Trento e della Lombardia, si consuma il 50% in piu’ di farmaci equivalenti rispetto alla Campania.