Farmina Pet Foods, 25 mln di dollari da Intesa Sanpaolo: via ai progetti di espansione internazionale

727

Intesa Sanpaolo e Farmina Pet Foods, azienda nata a Nola specializzata nella produzione e commercializzazione di alimenti per animali, hanno sottoscritto un accordo di finanziamento per un ammontare di 25 milioni di dollari destinato a un investimento che prevede la realizzazione di un nuovo sito produttivo negli Stati Uniti d’America. “La costruzione di questo stabilimento – è scritto in una nota diffusa a seguito dell’intesa – si inserisce nel piano di sviluppo internazionale dell’impresa, già presente con i suoi impianti in Brasile e Serbia”.
“L’operazione – si legge ancora nel comunicato – è indicativa della volontà delle migliori aziende del territorio di perseguire un piano di crescita responsabile e della loro capacità progettuale nonostante il difficile momento condizionato dalla pandemia”.
Il finanziamento è stato perfezionato dalla Divisione Banca dei Territori con la collaborazione della struttura Corporate Finance BdT della Divisione Imi Corporate & Investment Banking e con il supporto della Filiale Hub di New York, parte della rete internazionale specializzata nel supporto alla clientela corporate attiva in 25 Paesi.
Supportare le aziende nel rilancio delle attività economiche in mercati esteri contribuisce ad attuare uno dei pilastri di “Motore Italia”, il programma strategico di finanziamenti e iniziative realizzato da Intesa Sanpaolo per consentire alle piccole e medie imprese italiane di superare la fase di difficoltà causata dalla crisi pandemica e rilanciarsi attraverso progetti di sviluppo e crescita. Il piano prevede un plafond nazionale di 50 miliardi di euro e mette a disposizione circa 2,5 miliardi di nuovo credito per le imprese campane.
“Crediamo che gli Stati Uniti d’America rappresentino un’importante opportunità per continuare a investire su qualità e innovazione, nostri valori da sempre – afferma Angelo Russo, Ceo e proprietario di Farmina Pet Foods -. Un laboratorio microbiologico e chimico all’avanguardia sarà attrezzato per eseguire le rigorose procedure di controllo qualità dell’azienda, stabilendo un nuovo punto di riferimento per la creazione di soluzioni per la
nutrizione degli animali domestici negli Stati Uniti. Abbiamo in programma di investire ulteriormente in questo Paese per sviluppare una rete di fattorie regionali a conduzione familiare che soddisfino i nostri standard di qualità degli ingredienti e siamo felici di poter contare sul supporto e sullo stimolo di Intesa Sanpaolo in questo percorso”.
“La crescita dimensionale e l’internazionalizzazione sono elementi su cui il nostro Gruppo fa leva da sempre per lo sviluppo delle imprese – spiega Giuseppe Nargi, direttore regionale Campania, Calabria e Sicilia di Intesa Sanpaolo -. Il finanziamento di 25 milioni di dollari in favore dell’azienda campana Farmina Pet Foods, in espansione negli Stati Uniti d’America, va proprio in questa direzione. L’attenzione alle esigenze del territorio è al centro dell’impegno e delle azioni della nostra Banca. Questa operazione dimostra ancora una volta quanto Intesa Sanpaolo tenga alle sorti del tessuto economico e imprenditoriale dell’Italia meridionale. Siamo orgogliosi di poter supportare una realtà come Farmina, che promuove da sempre un modello di crescita ispirato ai principi di sostenibilità ambientale e sociale”.