Fascismo: mercato in crescita per i vini con le etichette di Mussolini e Hitler

19

Milano, 2 gen. (Adnkronos) – La storia li giudica e il mercato li cerca. Il volto di Adolf Hitler e Benito Mussolini, stampato su bottiglie di vino e birre, può valere una carriera come dimostra la storia di Fabio Bogo, fondatore della società ‘I vini nostalgici’ con sede a Sedico, in provincia di Belluno. Un mercato in aumento che vede il Führer senza rivali. Dopo di lui il più richiesto sulle tavole è il Duce, per il resto sugli scaffali non c’è partita. “Sono consapevole di fare etichette che sollevano polemiche – dice all’Adnkronos -, ma se esponi la bandiera del Milan sicuramente c’è uno juventino che si arrabbia. Io non faccio politica, io faccio business e stampo etichette di Che Guevara, Stalin, Mussolini e Hitler, solo per citarne alcuni. Non commetto nessun reato”.