Fattorie Garofalo, partnership con Polidesign alla ricerca del miglior espositore per la mozzarella

65

E’ nata una partnership tra Fattorie Garofalo, azienda con base a Capua leader nella filiera bufalina, e POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano specializzato nel fornire alle aziende soluzioni innovative di design. Oggetto dell’accordo tra l’azienda campana e il consorzio universitario milanese: trovare soluzioni di designs trategico per massimizzare la vendita di mozzarella di bufala in tutto il mondo mediante moderni mozzarella bistrot. Obiettivo che si raggiunge analizzando gli stili di consumo più attuali nel settore food e la loro possibile evoluzione a medio termine, per progettarel’espositore ideale per questo prodotto, ormai diventato uno dei simboli dell’agroalimentareMade in Italy. 

Il problema di come offrire al consumatore la mozzarella al di fuori delle aree tradizionali di produzione, Fattorie Garofalose lo è posto perché è attualmente impegnata nello sviluppo di una strategia di vendita mediante ilretail diretto: un investimento medio annuo compreso tra i 5 ed i 6 milioni di euro, caratterizzato da accordi commerciali in tutto il mondo per lo sviluppo del marchio Fattorie Garofalo Mozzarella Bistrot, il coinvolgimento di chefstellati per la predisposizione di piatti adatti ad una clientela internazionale eppure sempre basati su prodotti bufalini.

La questione posta da Fattorie Garofalo è apparsa sin da subito rilevante edabbiamo proposto l’incontro progettuale con POLI.design – racconta Massimo Bruto Randone, fondatore diCXINE, la corporate university agency che ha propiziato l’accordo. Il percorso di reciproca conoscenza e interazione si sviluppa lungo tre step.”Nella prima settimana, iniziata domenica scorsa, un gruppo di 20 studenti internazionali che segue il master in design strategico al POLI.deisgn, ha preso contatto con la realtà di Fattorie Garofalo, visitando l’azienda agricola Sant’Aniello di Fracolise ed il caseificio Casaro del Re a Capua, per poi sviluppare una prima analisi degli stili di consumo del food nel mondo e di come è percepito il prodotto specifico: la mozzarella” spiega Raffaele Garofalo, presidente di Fattorie Garofalo. “Nella seconda settimana lo stesso gruppo di studenti sarà impegnato a sviluppare un’analisi sullo sviluppo del retail di Fattorie Garofalo – aggiunge Garofalo, che ricorda: il Terzo step, nell’ultima settimana di lavoro, sarà finalizzato allo sviluppo delle idee progettuali per un nuovo espositore per la Mozzarella di Bufala, prodotto principe di Fattorie Garofalo“.